MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Control
copertina

Control - provato all'E3

Remedy e 505 Games hanno approfittato dell'E3 per permettere alla stampa di provare con mano Control, il nuovo action-adventure a metà tra fantascienza e paranormale in arrivo a fine agosto. Noi non ci siamo ovviamente fatti sfuggire l'occasione, ed eccovi quindi il resoconto della nostra prova di 45 minuti.
Control ci vede impersonare Jesse Faden come nuova direttrice del Federal Bureau of Control, una segretissima agenzia governativa che ha sede in un edificio di Manhattan chiamato Oldest House e che si occupa di studiare e contenere fenomeni ed oggetti che vanno oltre quanto sia possibile spiegare dalla scienza. Jesse stessa è un esempio di queste manifestazioni, visto che in gioventù una traumatica esperienza le ha donato degli inspiegabili poteri paranormali. Il gioco ha inizio poco dopo il suo arrivo come direttrice del Bureau, quando un esperimento andato male vede l'edificio invaso da una misteriosa forza chiamata Hiss che inizia a possedere i dipendenti e causare strani avvenimenti in tutta la Oldest House. Strani esseri iniziano inoltre ad aggirarsi per i saloni dell'edificio, pronti ad attaccarci non appena ci avviciniamo troppo, e sta proprio a Jesse, dotata di una speciale pistola in grado di cambiare conformazione a seconda delle esigenze, cercare di salvare la situazione.

img
La versione dimostrativa del gioco propostaci all'E3 è ambientata poco dopo l’inizio dela storia, alla terza missione principale; la Oldest House è in lockdown a causa dell'invasione dell'Hiss e tutti i reparti sono isolati tra loro. Jesse deve quindi per prima cosa rimuovere il blocco recandosi al Settore Manutenzione per usare manualmente le sue credenziali ed aggirare il blocco di sicurezza, per poi riunire un po' alla volta una squadra di alti funzionari che la aiuteranno nella lotta contro l'Hiss. Iniziamo in un buio corridoio, dove dobbiamo trovare il custode Ahti; lui saprà indirizzarci su dove proseguire. Subito possiamo divertirci un po’ coi poteri di Jesse: la donna può raccogliere oggetti a distanza e scagliarli a suo piacimento, ad esempio contro i nemici. Nel caso non ci siano oggetti a portata può addirittura estrarre parte del pavimento di cemento per usarlo come proiettile.

MP Video - Control

La strada verso l’ufficio del custode non è del tutto priva di pericoli: ben presto giungiamo ad una scalinata pattugliata da soldati chiaramente ostili: sono strani e sembrano posseduti da una forza inspiegabile. Ci attaccano con ferocia e quando li sconfiggiamo scompaiono un una strana bolla che sembra interferire con la realtà in cui ci troviamo. Immediatamente apprezziamo il sistema di combattimento messo in piedi da Remedy, che risulta fluido e divertente. L’arma della donna ha munizioni infinite che però necessitano dil tempo per rigenerarsi, e quindi è necessario intercalare i colpi d’arma da fuoco con il lancio di oggetti contundenti in stile Jedi. Non c’è, per quanto abbiamo potuto sperimentare, un sistema di copertura come quello visto in Quantum Break, ma siamo sempre riusciti a uscire indenni dai combattimenti alternando le due modalità di fuoco e il lancio di oggetti. L’importante è rimanere sempre in movimento e non attardarsi in luoghi troppo esposti al fuoco nemico. Ad ogni uccisione i nemici lasciano cadere a terra delle sfere luminose: si tratta del solo modo per recuperare la vita persa durante il combattimento. Un sistema ingegnoso per spingerci a rischiare di più quando siamo in difficoltà, dal momento che si tratta del nostro unico modo per curarci.

Finalmente il combattimento giunge al termine e possiamo avanzare. Dopo qualche porta e vari corridoi ci imbattiamo in una missione secondaria chiamata “A Merry Chase”. Se la attiviamo dovremo recarci in una saletta per la pausa del personale del Bureau dove troveremo una cassa contenente materiale utile. Ma non arriveremo mai alla cassa perché il pavimento franerà sotto in nostri piedi, facendoci sprofondare in una enorme sala dalla strana conformazione. I muri attorno alla sala sono mobili, sembrano ondeggiare su sé stessi e la strada davanti a noi è costellata di blocchi di cemento fluttuanti. In pratica una sezione platform ci porta a raggiungere un cavallino da giostra che luccica di una strana luce rossastra. Una volta raggiunto, veniamo teletrasportati in un’altra zona in cui i muri si chiudono e riaprono ciclicamente e dovremo sfruttare lo scatto in avanti (altro potere di Jesse) per evitare di farci schiacciare. Poco dopo, dei nemici dorati invincibili ci sbarrano il passaggio. L’unica è correre il più rapidamente possibile verso la fine del percorso che ci riporterà al punto di partenza, nella sala pausa.

img
Ritorniamo quindi al mondo reale, come se questa piccola missione secondaria non fosse mai realmente avvenuta. Finalmente troviamo il custode. L’uomo ci rivela quello che ci serve sapere sul funzionamento del sistema di alimentazione del Bureau e ci spedisce a parlare con il capo della sicurezza Arish, che si trova nell’ufficio della security. Raggiungiamo la posizione ma prima di parlare con l’uomo possiamo sbloccare una zona per il viaggio rapido. Queste zone, che vanno dapprima sbloccate, permettono a Jesse non solo di muoversi rapidamente da un posto all’altro ma anche di migliorare le sue abilità spendendo dei punti esperienza e modificare i costrutti astrali, ovvero il funzionamento dell’arma e delle mods personali. Le abilità nella demo non erano particolarmente complesse e ci siamo limitati ad aumentare la vita massima della donna. Purtroppo non abbiamo potuto modificare l’arma per mancanza di risorse, né cambiare mod per le armi o personali. La versione a cui abbiamo giocato non prevedeva questa possibilità.

img
Parliamo finalmente col capo della sicurezza e scopriamo qualcosa sulla vera natura della centrale energetica: è alimentata dal precedente Direttore, le cui capacità sono diventate troppo potenti e fuori controllo. Jesse incontra anche il capo della sicurezza Arish, che è stato incaricato dal dottor Darling di proteggere la centrale elettrica dall'invasione dell'Hiss. Grazie alle sue indicazioni siamo indirizzati verso le pompe di raffreddamento della centrale e i convertitori di energia; bisogna sbloccare le prime e riattivare i secondi. Per farlo dovremo lottare duramente contro le presenze oscure che si annidano davanti a noi. Ci imbattiamo in diversi tipi di creature: soldati posseduti dall'Hiss, strane strutture biologiche irte di aculei ed esseri dalla forma insettoide che esplodono una volta che li abbiamo uccisi. Il combattimento non è facile ma nemmeno impossibile se giochiamo bene le nostre carte. La demo si conclude con Jesse che riesce finalmente a sbloccare le zone inaccessibili del Bureau, ma siamo ancora all’inizio dell’avventura.

Control è tecnicamente molto interessante, con una buona resa grafica e soprattutto un ottimo design artistico. il gameplay ci è parso sufficientemente stimolante e divertente, anche se non eravamo ancora dotati di tutti i poteri disponibili per la protagonista. L’attesa non è molto lunga: a fine agosto scopriremo se le premesse di questo Control daranno buoni frutti.

c Commenti

copertina

c

Commenti

Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus