MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Pac-Man 256

Recensione - Pac-Man 256

Dopo essersi reinventato già una volta con Championship Edition DX, l'eroe mangia-fantasmini di Namco è tornato con Pac-Man 256, una nuova versione completamente reinventata dove dovrà scappare dal famoso bug del livello 256, un problema delle primissime versioni del gioco. Sarà la rivoluzione di cui Pac-Man ha bisogno?

Il Gioco

Da una collaborazione tra Bandai Namco e Hipster Whale (autori del fenomeno mobile Crossy Road), arriva un nuovo sorprendente capitolo del semicerchio giallo più famoso del pianeta: parliamo naturalmente di Pac-Man 256, uscito già lo scorso anno su mobile come titolo free to play con tanto di microtransazioni, trasposto ora sulle nostre console con risoluzione aumentata, comandi riadattati e nuove feature. In questa generazione stiamo vedendo tanti porting da mobile approdare sulle nostre console, ma Pac-Man è da sempre una presenza fissa su ogni piattaforma, pertanto questo salto è più che naturale.

Il gameplay di Pac-Man 256 non sorprende più di tanto inizialmente, ma stupisce la visuale: tridimensionale ed isometrica, con i classici livelli visti quindi inclinati e con protagonista e i fantasmini tutti in 3D ma stile retrò, ricostruiti infatti con dei voxel (i pixel in 3D per intenderci, come in Minecraft). All'inizio, visuale a parte, ci si ritrova quindi a giocare esattamente come nel titolo originale, ma ben presto ci si rende conto di una cosa: è in arrivo il bug del livello 256.

MP Video - Pac-Man 256

Di che si tratta? Piccola lezione di storia: nel primissimo Pac-Man, per una limitazione tecnica il livello 256 del gioco (che gli sviluppatori non ritenevano umanamente raggiungibile), presentava uno schema corrotto, errato, con simboli a sostituire i disegni e con un inevitabile crash ad attenderci qualora avessimo toccato una di queste zone corrotte. Bene, Pac-Man 256 ruota volutamente attorno a questo storico glitch: dopo i primi istanti di gioco infatti un'onda di stringhe e simboli errati invade lo schermo dal basso verso l'alto e distrugge poco a poco il livello. Al giocatore non resta quindi che sfuggire da quest'onda distruttiva, continuando ad andare sempre avanti nell'infinito livello.

A differenza dei classici Pac-Man, infatti, l'area di gioco non è limitata ma prosegue all'infinito grazie ad una continua generazione casuale degli schemi in cui muoverci. Se l'inizio è praticamente sempre uguale (anche se la posizione dei pallini e dei fantasmi può variare), quanto incontrato dopo viene generato casualmente da un set abbastanza ampio di forme, alcune delle quale ricordano livelli dei vecchi titoli, altri invece sono proprio inedite. Al loro interno la posizione dei power-up, dei fantasmi e dei pallini viene a sua volta decisa casualmente, perciò anche quando si vede una forma già incontrata durante la partita è probabile che non sia tutto identico a prima. In questo senso il titolo assume le sembianze di un roguelike, da cui ne eredita anche la morte facile: basta un solo contatto con un fantasma o con l'onda distruttiva, e si deve ricominciare dall'inizio col punteggio azzerato.

Questa componente di casualità ben si sposa con la struttura in origine mobile del titolo, ma funziona alla grande anche su console grazie ai comandi decisamente più comodi del controller rispetto al touchscreen. In ogni partita tra l'altro è possibile guadagnare crediti, spendibili poi per il potenziamento dei power-up, che a loro volta si sbloccano continuando a giocare. Non c'è infatti solo il classico power pellet che rende i fantasmini confusi ed eliminabili, ma anche potenziamenti inediti come bombe, scie di fuoco mortali (per i fantasmi), una calamita per attirare qualsiasi oggetto raccoglibile, un tornado che gira il livello ed elimina gli avversari o un laser che esce dalla bocca di Pac-Man spazzando via tutto ciò che ha davanti. Tutto è potenziabile per ben 8 volte, con costi abbastanza esorbitanti raggiunti nel finale. Tra l'altro è possibile crearsi un vero e proprio loadout con i power-up preferiti, per assicurarsi di trovare quelli nelle partite successive, che comunque ci propongono sempre anche il prossimo power-up sbloccabile: così è possibile testare a fondo un potenziamento prima di decidere se acquisirlo nel proprio loadout.

Naturalmente anche i fantasmini sono di vario tipo e ogni colore ha il suo comportamento unico: c'è per esempio il fantasma azzurro che ruota attorno a un unico elemento, quello arancione che continua a scendere senza mai risalire tentando di incrociare il giocatore nel frattempo, quello glitch che addirittura si può teletrasportare, quello grigio addormentato che si muove soltanto quando gli si avvicina Pac-Man, ma anche quello rosso classico che insegue il giocatore ovunque vada. Ci sono addirittura file di fantasmi che si muovono insieme. Ogni colore ha le sue regole, e i più bravi sapranno prevedere esattamente il percorso di ciascun fantasma prima ancora di avvicinarlo - indispensabile per quando si arriva nelle situazioni più complicate.

Per il resto, in Pac-Man 256 si punta alle solite cose: raccogliere la frutta, in questo caso per moltiplicare il punteggio, schivare i fantasmi finché non si trovano dei power-up per eliminarli, raccogliere tanti pallini. A proposito di pallini, a determinati numeri binari dai 16 in su (16, 32, 64 e così via), fare combo di pallini mangiati offre dei punti bonus, e arrivare al fatidico 256 non solo porta tanti punti, ma spazza via anche qualunque fantasma in un'area molto ampia. Questa meccanica sprona il giocatore a continuare a mangiare invece di pensare solo alla fuga, e infatti i migliori dovranno combinare combo di pallini, raccolta di frutta e power-up, il tutto schivando i fantasmi colorati. Sopravvivere per più di pochi minuti è dura, ma quantomeno ogni partita porta crediti che ci potenzieranno nelle partite successive.

E' addirittura è possibile giocare a Pac-Man 256 in cooperativa locale fino a 4 giocatori, con quattro amici a collaborare insieme per tentare di raggiungere i punteggi più alti. Combinare power-up, coprire aree diverse del livello e aiutarsi a vicenda per fare combo è un'esperienza davvero inedita in un gioco di Pac-Man, e vale la pena di essere provata sicuramente. Non ci sono altre modalità di gioco per il resto, l'unica reale variazione possibile sono le skin, che permettono al giocatore di cambiare il look degli schemi e degli elementi su di essi: si passa dai classici look bidimensionali (ma sempre inclinati per la soggettiva) a stili tridimensionali urbani o artistici, passando addirittura per il look di Crossy Road, altro titolo famoso di Hipster Whale. Sbloccare e potenziare tutto può comunque richiedere anche dozzine di ore, e c'è anche la divertente cooperativa: per 4,99 Euro è difficile chiedere molto di più. Purtroppo manca la localizzazione in italiano, ci si deve quindi accontentare delle descrizioni in inglese dei power-up, ma questi sono molto intuitivi da usare per fortuna.

Amore

Rivoluzione arcade

- Se pensate che l'intramontabile gameplay dell'originale Pac-Man sia intoccabile e che ogni cambiamento sarebbe pura blasfemia, questo titolo vi farà cambiare idea. La componente roguelike si adatta sorprendentemente bene alle meccaniche di gioco classiche di pallini e fantasmi, i nuovi inediti power-up aggiungono un aspetto tattico considerevole al tutto, e il sistema di combo e di livelli casualmente generati costringe il giocatore ad avere riflessi fulminei, dovendosi sempre aspettare qualunque cosa - e senza poter mai rallentare, visto che, come uno tsunami, il bug del livello 256 distrugge man mano il percorso alle nostre spalle. Forse ci avete già giocato su cellulare, ma con il controller e senza le odiose microtransazioni, questa è indubbiamente la versione da avere. Anche perché c'è una feature assolutamente inedita...

In quattro è meglio

- Nella sua lunga storia, il semicerchio giallo più famoso del mondo ha spesso provato a introdurre il multiplayer, ma raramente è stato un esperimento riuscito come nella versione console di Pac-Man 256. Qui infatti l'appassionante gameplay alla ricerca dei punteggi più alti sposa la cooperativa locale fino a 4 giocatori che lottano per un unico scopo, con la possibilità di fare percorsi diversi, combinare i power-up per ottenere effetti stupefacenti e molto altro. Pac-Man non è solo un grandioso titolo arcade single player, ma rischia di diventare un appuntamento fisso anche nelle serate in casa coi vostri amici.

Solo un'altra partita

- Pac-Man è sempre stato semplice e divertente, con livelli e comportamenti dei fantasmi prevedibili, rendendolo un gioco puramente competitivo a discapito della varietà. In Pac-Man 256 però bisogna essere sempre all'erta, perché il livello viene generato casualmente e il percorso completato viene poco a poco distrutto dal bug del livello 256, impedendoci quindi di scappare all'indietro. Anche la posizione dei power-up, della frutta e dei fantasmi non è mai la stessa, quindi ogni partita ha il potenziale per essere meglio della precedente. Questa consapevolezza, nonché il gameplay appassionante, può portare a farvi accendere il gioco per un paio di partitine veloci, e ritrovarvi incece 4 ore dopo a cercare solo un altro record, solo un altro sblocco di power-up, o solo un altro trofeo da ottenere.

Prezzo ultracompetitivo

- Pac-Man 256 offre un single player davvero azzeccato, un multiplayer incredibilmente spassoso, nonché dozzine di ore tra record da battere e power-up da sbloccare e da potenziare. Il tutto alla modica cifra di 4,99 Euro, che è molto inferiore al prezzo di lancio di altri ottimi giochi della saga come per esempio Pac-Man Championship Edition DX. Su mobile il titolo è gratuito, ma con le microtransazioni per avere tutte le skin e i power-up complessivamente era facile spendere più di quanto costi il pacchetto completo su console, comprendente tra l'altro feature inedite come la cooperativa, e pertanto non ci sono dubbi su quale sia la versione migliore. A questo prezzo difficilmente troverete oggi titoli arcade migliori sulle vostre console.

Odio

Grind finale

- Con la rimozione delle microtransazioni però si accentua un problema di Pac-Man 256: il grinding. Molte ore dopo aver visto ogni tipo di area, ogni skin presente e ogni tipo di fantasma, non avrete ancora sbloccato tutti i power-up, che a loro volta vanno potenziati al massimo per molti punti, una cosa che può richiedere anche una ventina di ore. Con un gameplay così divertente può non essere un problema grave, ma la varietà non è elevatissima e il gioco può venire a noia ben prima di arrivare a tanto.

Casualità

- L'elemento roguelike, unito al fatto di avere una sola vita per partita, porta però a partite a volte fin troppo imprevedibili. Per fare punteggi alti è praticamente imperativo trovare frutta di alto livello che doni un moltiplicatore di almeno 4, 5 o 6, altrimenti qualsiasi azione porta davvero pochi punti. Anche le forme di livello che si vanno ad incontrare e il posizionamento casuale dei fantasmi possono più volte essere elementi problematici, facendoci ritrovare talvolta in trappole praticamente senza uscita. Ciò può risultare frustrante specialmente quando si è vicini a un record, ma dall'altra parte è questa imprevedibilità che fa parte del fascino a Pac-Man 256.

Tiriamo le somme

Come già hanno fatto i due Championship Edition qualche anno fa, Pac-Man 256 riesce a rivoluzionare con successo il grandioso classico arcade, senza perdere il suo fascino originale ma aggiungendo nuovi e inediti elementi di gameplay con un gameplay contagioso, adatto sia per qualche minuto di svago mentre si attende il completamento di un download che per maratone di diverse ore e ad un prezzo assolutamente concorrenziale. E' impossibile non consigliare Pac-Man 256 a chi è alla ricerca di un titolo arcade appassionante ed adrenalinico.
8.5

c Commenti


L'autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, le esclusive console lo avvicinano verso nuove mete. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus