MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Rise & Shine

Recensione - Rise & Shine

Il team spagnolo Super Awesome Hyper Dimensional Mega Team ci invita con Rise & Shine ad immergerci a Gamerath, il "mondo dei videogiochi" dove dovremo combattere i malvagi alieni Nexgen: il tutto in un action-platform game bidimensionale dall'accattivante grafica disegnata a mano: scopriamone tutte le caratteristiche.

Il Gioco

Gamearth è un mondo abitato da eroi dei videogiochi, che a turno prima o poi vengono tutti chiamati a salvare il mondo. C'è chi lo fa più spesso, come i muscolosi protagonisti dei giochi d'azione, chi un po' meno, ma il destino prima o poi chiama tutti. Un prevedibilmente distruttivo attacco robot mette in ginocchio questo "giocoso" mondo, e tocca stavolta a un giovanotto di nome Rise salvare tutti. Ma è solo un bambino, cosa potrà mai fare? Per fortuna, davanti ai suoi occhi viene sconfitto un eroe esageratamente simile al Link della saga di The Legend of Zelda, il quale gli dona un'arma: non una spada, non un arco, né tantomeno una fionda, ma una pistola potente e... senziente.

Questa pistola di nome Shine (da qui il titolo del gioco, Rise & Shine) può essere potenziata man mano con novità di ogni genere: la più importante sono sicuramente i proiettili telecomandati, che possono essere usati per risolvere enigmi ma anche per colpire alle spalle pericolosi nemici, passando poi per vari tipi di proiettili speciali come per esempio quelli elettrici, utili per mandare in corto circuito trappole o porte. Ma non è nemmeno questo l'elemento più surreale di Shine, ma piuttosto il fatto che parla, e che ha creato un legame indissolubile con Rise.

MP Video - Rise & Shine

La trama si esaurisce più o meno qui: interazione coi personaggi a parte non c'è un grande sviluppo narrativo. Tutto sta gameplay. E quello funziona: si tratta di un run 'n' gun bidimensionale a scorrimento laterale dove il giovane protagonista può usare Shine per sparare ai numerosi nemici, nonché usare le coperture (distruttibili) che gli scenari offrono per pararsi dai loro di colpi, o in alternativa usare le schivate. Grazie alla sua arma speciale può anche effettuare il doppio salto, utile nelle fasi di esplorazione, ma per lo più si combatte: piccoli robot vengono alternati a bestie cattive più grandi da battere anche con l'astuzia, il tutto con l'aggiunta di sono trappole come torrette e mine antiuomo a cui fare moltissima attenzione.

A proposito di astuzia, non mancano nemmeno numerosi puzzle, tant'è che gli sviluppatori del gioco descrivono Rise & Shine come un "think and gun", un "pensa e spara". Usando soprattutto la meccanica dei proiettili telecomandati infatti è possibile arrivare in zone altrimenti irrangiungibili per azionare leve, disattivare trappole o distruggere barriere, andando così ad alternare le fasi più action con momenti ragionati. Troviamo anche combattimenti dove non solo bisogna guidare questi proiettili in posti difficili da raggiungere, ma nel frattempo bisogna anche occuparsi di eliminare i nemici in maniera normale oltre a schivare i loro colpi. Quest'ultimo fattore è importantissimo, perché il povero Rise difficilmente resiste a più di un paio di colpi, quindi è importante imparare ad evitare ogni insidia. Per fortuna i checkpoint sono distribuiti abbastanza generosamente.

Il gameplay sostanzialmente non cambia nel corso delle poche ore dell'avventura, se non per le battaglie boss di fine o metà livello: qui bisognerà solitamente schivare una gran quantità di colpi immediatamente letali mentre si cerchiamo un modo per danneggiare il nemico, impersonato solitamente da qualche gigantesco robot o navicella aliena. E' soprattutto in queste fasi che la difficoltà abbastanza consistente di Rise & Shine si fa sentire: nulla di paragonabile a giochi "cattivi" come Shovel Knight o Super Meat Boy, ma c'è un ottimo livello di sfida, aumentabile poi sbloccando difficoltà aggiuntive. Questo poi è l'unico reale elemento che può dare longevità aggiuntiva al titolo, non essendoci modalità ulteriori o elementi multiplayer. In compenso, c'è una curata traduzione in italiano di tutti i testi del gioco: non sono presenti dialoghi parlati e la narrazione avviene quasi interamente attraverso dei fumetti a video.

Amore

Che look!

- Senza ricorrere ad effetti speciali particolari ma solo a disegni e animazioni realizzate manualmente, Rise & Shine riesce ad essere uno dei titoli indie più spettacolari degli ultimi anni. Tutti gli elementi di gioco sono disegnati in alta risoluzione e animati credibilmente, dal movimento del fogliame degli alberi grazie al vento fino all'esplosione di budella di certi nemici, con tanto di occhi che rotolano e sangue che si spiaccica dovunque con un look cartoonesco ma non per questo poco curato o scarsamente dettagliato. Anche le animazioni risultano fluidissime e ben si amalgamano al look complessivo in 1080p con frame-rate impeccabile. Davvero un bel vedere, non c'è che dire!

La storia dei videogiochi, nel bene e nel male

- Gamearth, il mondo di gioco che ospita l'avventura di Rise e della sua fida arma di nome Shine, è di suo un vero e proprio mondo videoludico, dove tutti a turno dovranno salvare il mondo di tanto in tanto. Questo lo rende un campo da gioco perfetto per cameo e citazioni di ogni genere: dai fantasmini di Pac-Man trovati tra i feriti di guerra, passando per uno strano complesso di nome "Black Pesa" con misteriosi cubi bianchi, fino a stoccate a certi sparatutto di guerra annuali che non citeremo... il tutto con un'ironia autoreferenziale e tanta, tantissima violenza cartoonesca. Chi ha passato anni e anni a divertirsi coi videogiochi di ogni era, non potrà che sorridere dall'inizio alla fine del gioco. Frustrazione della difficoltà a parte insomma.

50 sfumature di violenza

- Perché Rise & Shine non sarà Super Meat Boy come cattiveria, ma le mazzate le sa comunque dare al giocatore. Tra sparatorie con pochi colpi per andare a terra dove usare al meglio schivate e coperture, boss lunghi e complessi dove ogni passo conta, nonché trappole di ogni genere dalle mine antiuomo alle torrette con mitraglietta, le occasioni per morire sono sempre dietro l'angolo. E come già accennato, il tutto avviene con una violenza davvero notevole: il protagonista può essere decapitato, i nemici fatti esplodere, con sangue e qualche organo addirittura ben visibili successivamente. Ed è pure tutto cartoonesco, quindi difficilmente darà fastidio ai più sensibili.

Odio

Meglio sparare che manovrare

- L'idea dei proiettili telecomandati di Rise & Shine è davvero molto interessante, ma nella pratica va a frammentare gli ottimi momenti run 'n' gun, offrendo delle fasi puzzle-platform spesso ripetitive e poco godibili. Questo non sarebbe un problema grave se si limitasse a una parte ridotta del gioco, ma per via della complessità di alcuni enigmi proposti e la lunghezza di alcuni dei percorsi da attraversare, queste parti possono rubare anche vari minuti, mentre quasi tutte le sparatorie si risolvono in un minuto al massimo. Una suddivisione bizzarra dei compiti.

Avete un po' troppa vita!

- Al problema precedente si collegano anche molti spezzoni boss o sezioni con ostacoli più forti, dove alternare schivate e proiettili telecomandati con cura per colpire ripetutamente il bersaglio. Il problema è che non basta fare tutto ciò una, due, tre volte, ma spesso dozzine. Già nelle prime fasi del gioco c'è una porta da aprire con proiettili elettrici telecomandati, di cui ne servono a occhio e croce una trentina circa. Il tutto mentre cercate di schivare razzi che se vi colpiscono in pieno vi eliminano all'istante, con pure hitbox che non sempre sono molto chiare. Se le normali sezioni di run 'n' gun durassero quanto queste sfide, Rise & Shine sarebbe un gioco infinitamente superiore.

Tiriamo le somme

Rise & Shine, sulla carta, ha tutto per diventare un vero classico dei videogiochi: una grafica disegnata a mano curatissima con animazioni splendide, un'infinità di cameo, citazioni e frecciatine alla storia dei videogiochi, un gameplay run 'n' gun frenetico con una difficoltà pure piuttosto alta, capace quindi di offrire divertimento notevole. Tutto questo però funziona a tratti: alcuni dei combattimenti finiscono in una serie di trial and error, o durano fin troppo grazie a obiettivi che richiedono troppo tempo, per non parlare delle sezioni puzzle-platform dove dobbiamo guidare proiettili telecomandati che spezzano fin troppo il ritmo del gioco o di alcune hitbox dubbie. Nei momenti in cui Rise & Shine fa quello che gli riesce meglio, però, è soddisfacente, esilarante e brutale al punto giusto: se siete appassionati del genere, dateci un'occhiata!
7.4

c Commenti


L'autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, le esclusive console lo avvicinano verso nuove mete. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus