MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Tricky Towers

Recensione - Tricky Towers

Con il successo planetario di Tetris nel corso dei decenni, tantissimi cloni si sono affacciati sulla scena videoludica con più o meno fortuna; Tricky Towers è il più recente ad aver tentato questa strada, proponendosi però come una sorta di Jenga al contrario. Vediamo di cosa si tratta.

Il Gioco

La premessa di Tricky Towers è piuttosto semplice ma non per questo banale. Il giocatore (o i giocatori, visto che si può giocare fino a 4 persone in locale e online) dovrà costruire una torre più stabile ed alta possibile sulla quale scendono classici pezzi alla Tetris di quattro quadretti ciascuno. Lo scopo però non è quello di creare linee, anzi, è persino possibile allargarsi in orizzontale facendo stare i blocchi in equilibrio. Ed è proprio questa la particolarità del titolo: invece di agganciarsi gli uni agli altri, i blocchi che compongono la nostra torre in Tricky Towers sono governati da una fisica credibile che li sottopone alla forza di gravità, quindi man mano che aggiungiamo pezzi la torre si sbilancia ed inizia a traballare, quindi sta a noi riequilibrarla con altri pezzi. Un gioco piuttosto impegnativo insomma, nonostante un look cartoonesco e colorato che fa pensare a ben altro.

Qualunque modalità o livello si scelga, si parte con un piano che può anche avere una forma irregolare, e francamente è meglio per noi se non lo è: eventuali buchi o dislivelli si possono subito usare per incastrare un pezzo in caduta libera e avere una base più solida su cui costruire. L'obiettivo è principalmente sempre quello di procedere il più possibile senza far crollare il tutto e andando sempre di più verso l'alto, pertanto se si riesce a mettere una base più larga e stabile si hanno ovviamente chance migliori di ottenere un equilibrio soddisfacente. Naturalmente, però più si va in alto e più diventa difficile tenere in equilibrio il tutto.

La fisica del gioco, pur essendo applicata ad uno scenario bidimensionale, risulta credibile e prevedibile come nella realtà. Mettete un pezzo sul bordo e cadrà senza troppe riserve, rischiando di portarsi dietro anche altri pezzi poco stabili il cui punto di equilibrio potrebbe cambiare. Fate cadere un pezzo rapidamente e questo darà una botta alla torre, rischiando di farla traballare incontrollatamente. Pensate al tutto come una specie di Jenga all'inverso: dovrete cercare di non far crollare la torre mentre aggiungete continuamente nuovi pezzi, che in questo caso arrivano dall'alto invece di essere sottratti alla torre stessa. Invece, aspetto dei pezzi a parte, Tricky Towers ha meno in comune con Tetris di quanto potrebbe sembrare.

MP Video - Tricky Towers

Gli obiettivi e i modi per arrivare allo zen dell'equilibrio però possono variare. Giocando in single player (modalità peraltro esclusiva della versione Xbox One del gioco) è possibile affrontare una serie molto lunga di test dove seguire specifiche regole o punteggi da battere in diverse variazioni di gioco, il tutto a una difficoltà sempre crescente, utile soprattutto per prepararsi al meglio a quello che è il vero punto di forza del titolo: il comparto multiplayer. Online o in locale fino a 4 giocatori è possibile infatti scontrarsi sia partite isolate che in veri e propri tornei, il tutto in tre tipi diversi di gara: Sopravvivenza, dove si deve arrivare più in alto possibile facendo cadere non più di 3 blocchi, Competizione dove vince chi arriva per primo ad una certa altezza, e una modalità rompicapo dove l'obiettivo è collocare più pezzi possibile senza farli cadere prima di raggiungere una determinata altezza posta piuttosto in basso.

Le sfide possono essere affrontate in tre difficoltà diverse. Facile serve principalmente per esplorare le meccaniche di base, mentre a Normale e Speciale vengono introdotti dei power-up che funzionano attraverso un sistema di magia bianca e magia nera tra cui scegliere di volta in volta; la prima offre benefici al giocatore, la seconda rende la vita più difficile agli avversari. Nel primo caso ci sono una varietà notevole di potenziamenti da trovare: una vita aggiuntiva per la sopravvivenza, un isolotto che si crea nel cielo per poter piazzare blocchi in un altro punto e facilitare così la scalata o anche dei blocchi più pesanti che quindi fanno più pressione sui blocchi sotto migliorando l'equilibrio. Tra i poteri malvagi invece spuntano blocchi giganti, altri fatti di ghiaccio, della vegetazione che si aggrappa ai blocchi già posizionati che rende difficile vedere la forma esatta della costruzione e così via. Queste varianti offrono ancora più pepe a un gioco già molto teso, anche se col fatto che i giocatori non ricevono gli stessi power-up indubbiamente anche la componente di fortuna fa la sua parte.

Alcune di queste modalità sono poi disponibili anche giocando in single player, qui ovviamente con la magia nera disattivata perché non ci sarebbe nessuno a cui mandarla. Non è purtroppo possibile affrontare le 3 modalità di gioco classiche contro l'IA, ma con ben 50 test differenti e classifiche da scalare nelle varie modalità non mancano le cose da fare. In multiplayer è possibile scegliersi un proprio personaggio e un design per i blocchi, con alcuni DLC abbastanza economici a disposizione per ottenerne altri, ma la modifica è solo estetica e non ha impatti sul gameplay. Notiamo infine con piacere che Tricky Towers è interamente localizzato in italiano: i testi sono pochi e non c'è un vero e proprio tutorial, né tantomeno dialoghi, ma per quel poco che c'è da capire è comunque bene averlo nella nostra lingua.

Amore

Tetris + Jenga

- Forse un modo un po' banale per descrivere il concetto di Tricky Towers, ma è probabilmente qudllo più semplice per far capire il suo funzionamento, con i blocchi alla Tetris che arrivano dall'alto che dobbiamo però utilizzare per far salire d'altezza la nostra torre senza farla cadere come in Jenga. Il tutto con una fisica realistica e diverse modalità multiplayer per divertirci con gli amici, dando vita ad un passatempo intrigante, e notevole potenzialità di longevità se giocato in compagnia.

Buoni o cattivi

- Un altro sistema molto intrigante di Tricky Towers sta nella gestione dei power-up, che ci permettono di scegliere tra magia bianca o nera. Qual è la tattica migliore? Ottenere bonus per migliorare la stabilità o la velocità di salita della nostra torre, oppure cercare di ostacolare i nostri nemici? Sta a noi deciderlo.

Odio

Poca varietà

- Per forza di cose Tricky Towers è un gioco di nicchia, quindi è impossibile aspettarsi un'enorme popolazione online da qui a poche settimane - è quindi un peccato che non è possibile sfidare l'IA nelle modalità competitive, perché se non comprate il gioco insieme a qualche amico o non avete amici o parenti per delle sfide locali, il potenziale del titolo rischia di limitarsi moltissimo. Ma anche trovando giocatori da sfidare, la varietà non è altissima: solo 3 modalità di gioco con 3 difficoltà che sì, possono stravolgere le regole (per esempio Sopravvivenza su Difficile aggiunge la variabile del vento), ma nulla a cui non ci si abitui dopo una manciata di partite. E con un single player molto lineare e limitato, è difficile trovare motivi per procedere se non per sfidare altri giocatori.

Imprecisioni

- Il concept del titolo è molto valido, ma non è esente da difetti. La fisica è piuttosto accurata, ma capita non di rado che l'equilibrio della torre diventi precario per motivi abbastanza dubbi, anche quando ogni pezzo è incastrato alla perfezione. Anche nel calcolo dei risultati ho incontrato alcune stranezze, come per esempio in Sopravvivenza dove non sempre gestisce al meglio la perdita delle vite, o il fatto che alcune volte il vento abbia di fatto trapassato i blocchi e soffiato giù un blocco che sembrava invece stabile. E con i comandi che permettono movimenti di mezzo blocco in mezzo blocco, quando la situazione si complica è molto difficile mettere gli elementi dove si vuole, perché la precisione al pixel per l'appunto è impossibile da ottenere. Nulla di eccessivamente grave o a cui non ci si possa abituare col tempo, ma un po' più di cura per questi dettagli non avrebbe guastato.

Tiriamo le somme

Tricky Towers è un gioco competitivo che nasconde più di quanto le immagini o i trailer possano far presupporre. Il look casual da clone di Tetris è solo la facciata, perché sotto c'è un gioco di strategia ed equilibrio impegnativo e divertente soprattutto tra amici. Non è esente di difetti e la parte single player non è nemmeno lontanamente interessante quanto il multiplayer, ma gli appassionati dei puzzle game che hanno voglia di mettersi in gioco in competizioni all'ultimo blocco sapranno trovarvi tante ore di costruttivo e distruttivo divertimento.
7.5

c Commenti


L'autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, le esclusive console lo avvicinano verso nuove mete. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus