MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
RUINER

Recensione - RUINER

Lo studio Reikon Games, formato da veterani di titoli come The Witcher e Shadow Warrior, ci propone l'azione isometrica cyberpunk di RUINER: eccovi di cosa si tratta.

Il Gioco

2091: la società è controllata dalla multinazionale Heaven che, a dispetto del proprio nome, lucra su sfruttamento di forza lavoro, criminalità e droga, usando la violenza come strumento di controllo e intrattenimento. In questo contesto troviamo il protagonista di RUINER, una macchina da guerra umana che si esprime in una maniera alquanto atipica: non a voce, ma con un casco LED che mostra disegni, pattern o scritte oscene. L'innominato protagonista del gioco è controllato da hacker che lo costringono ad uccidere i personaggi scomodi alla Heaven, i quali tengono anche in ostaggio suo fratello per assicurarsi che non gli venga mai in mente di ribellarsi. Ma questo è proprio quello che accade grazie ad un gruppo di hacker "buoni" che intervengono per sfruttare le notevoli capacità di combattimento di questo killer per ribaltare le sorti della società, impiantandogli nella testa un obiettivo tanto facile da scrivere quanto difficile da raggiungere: "kill boss", ossia raggiungere ed uccidere il capo della Heaven.

Qui entriamo in scena noi, ai controlli del protagonista in un action game isometrico con grafica 3D molto curata, che ricorda molto una versione cyberpunk ed ultrarealistica di Hotline Miami. Da questo eredita sicuramente la velocità, ma grazie alle meccaniche da twin-stick shooter i combattimenti hanno più a vedere con giochi alla Geometry Wars che con il titolo cult di Dennaton Games. I combattimenti non avvengono solo sfruttando un'ampia varietà di armi corpo a corpo e da fuoco, ma troviamo sono anche diverse tecnologie intriganti da utilizzare, come la capacità di fare degli scatti velocissimi che ci teletrasportano quasi da un punto all'altro, permettendoci addirittura di impostare manualmente più punti attraverso i quali passare mentre siamo in slow motion.

Il titolo presenta un gameplay acrobatico e adrenalinico con grandi quantità di nemici intenzionati ad abbatterci a colpi di arma da fuoco o corpo a corpo. Non hanno molta vita a disposizione (almeno a difficoltà Normale, la seconda delle quattro opzioni a disposizione) e quindi si prestano bene a coprire il ruolo della carne da macello, ma in compenso i loro colpi sanno essere letali, quindi siamo chiamati ad usare la velocità per destreggiarci al meglio tra di loro sfruttando anche abilità come lo scudo, mentre facciamo una carneficina intorno a noi.

MP Video - RUINER

Nonostante la maggioranza del tempo la si passi ad eliminare scagnozzi e relativi boss, RUINER non è comunque solo combattimenti; troviamo anche un mondo da esplorare di notte dove conoscere personaggi sinistri in una città tecnologicamente avanzata ma allo stesso tempo incredibilmente deprimente, piena di reietti della società che vivono un'esistenza di crimine e vizi in un percorso di autodistruzione, unica via d'uscita che conoscono in una società marcia. Il mondo di RUINER non è particolarmente originale e richiama molto opere del genere cyberpunk come Blade Runner, ma merita di essere esplorato.

E' quasi un peccato quindi che si combatta per così tanto tempo, perché tutto il gioco dura sulle 4-5 ore e di spazio per comprendere le sfumature della società e alcuni dei suoi personaggi ce n'è poco. Il gioco è discretamente rigiocabile grazie alle 4 difficoltà diverse, alla varietà delle classi che si possono creare e alla presenza dei segreti, anche se i combattimenti sono tutti piuttosto simili, limitando sicuramente la varietà a lungo termine. Peserà per molti anche l'assenza dell'italiano: sia le (poche) voci che i dialoghi di testo sono infatti interamente in inglese, e vista l'importanza della trama ci si perde molto se non si conosce la lingua.

Amore

Un futuro oscuro e violento

- Tra il ritorno di Blade Runner, giochi come >observer_ e l'attesa spasmodica per Cyberpunk 2077, tutto fa pensare che il futuro oscuro tipico del genere cyberpunk è ormai tornato di moda. RUINER non offre nulla di particolarmente nuovo per chi conosce il genere, ma lo fa comunque con grande stile: le insegne neon, le modificazioni corporee e l'oscurità la fanno da padrone nella società sfruttata dalla Heave, il cui unico interesse è arricchirsi sfruttando in maniera tirannica la forza lavoro. Il mondo di gioco, tra personaggi affascinanti e aree molto curate, è davvero bello da vedere; è quasi un peccato che per l'80% del tempo si combatta contro orde di nemici avendo a malapena il tempo di guardarsi intorno.

Combattimenti tecnologici

- Il futuro non è solo un pretesto per offrire ambienti con tante insegne al neon e personaggi con innesti cibernetici, ma anche per rendere i combattimenti estremamente elettrizzanti. Tra armi a fuoco di stampo futuristico, spade sci-fi elementali e abilità come gli slanci che rallentano il tempo o lo scudo capace di respingere i colpi, i combattimenti di RUINER risultano variegati ed estremamente adrenalinici. E con la possibilità di modificare il personaggio cambiando abilità e statistiche, è possibile affrontare le sfide in parecchi modi differenti.

Colonna sonora da urlo

- L'intero comparto audio del titolo è degno di nota, ma sono le musiche che fanno la differenza, tra musiche elettroniche potenti e rumorose con tanto di sfumature noise, realizzate da nomi noti come DJ Alina e Susumu Hirasawa. Anche quando camminate in un corridoio buio con pochi spunti visivi interessanti, queste musiche sapranno darvi la giusta carica per eliminare violentemente una gran quantità di nemici.

Odio

Troppo caos

- Come detto, una delle probabili ispirazioni di RUINER sta nel gioco divenuto ormai cult Hotline Miami. Ma quel titolo funzionava principalmente quando c'era un numero limitato di nemici da abbattere con l'astuzia, non quando la stanza si riempiva di colpo di uomini armati. Anche nel titolo di Reikon Games è così, peccato solo che dalla metà del primo livello si incontrano quasi solamente enormi ondate di nemici, con mine esplosive ovunque, colpi da schivare o parare costantemente ed addirittura sezioni a tempo dove è vietato sbagliare. Così inevitabilmente diventa più difficile sfruttare al meglio tutte le meccaniche di gioco: ad esempio chi vorrà rischiare il corpo a corpo quando si ricevono attacchi da 4 direzioni differenti?

Trama incompleta

- Il mondo di RUINER avrebbe un bisogno disperato di qualche spiegazione. Perché il protagonista è una specie di televisore umano? Chi sono i misteriosi hacker? Come ha fatto la società ad arrivare a questo punto? Quasi niente di questo viene spiegato a dovere. Il colmo è alla fine del gioco: voglio evitare spoiler naturalmente, ma sappiate che nel finale tutto farà presagire che avrete finalmente le risposte che cercate... e poi non succede niente. Forse sarà un ottimo innesto per un eventuale sequel, ma ad oggi fa solo imbestialire.

Tiriamo le somme

RUINER è un impressionante esercizio di stile, con un look estremamente dettagliato che riproduce in maniera convincente un mondo futuristico pieno di luci al neon e violenza gratuita, dove nemmeno gli avanzamenti tecnologici hanno saputo renderci persone migliori. I combattimenti frenetici si affiancano ad una trama piuttosto intrigante seppur incompleta, con diversi personaggi memorabili che ci accompagnano attraverso una trama corta ma discretamente rigiocabile. Non è certamente esente da difetti, ma per chi vuole sviscerare un curioso mondo cyberpunk ultraviolento può trovare in RUINER più di una soddisfazione.
7.6

c Commenti


L'autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, le esclusive console lo avvicinano verso nuove mete. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus