MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Planet Alpha

Recensione - Planet Alpha

Team17 e i danesi Planet Alpha ApS ci portano con Planet Alpha in un misterioso e rigoglioso mondo alieno, nel pieno di un attacco da parte di un'orda di nemici robotici: ce la faremo a salvarci? Noi l'abbiamo fatto e siamo qui per dirvi com'è andata.

Il Gioco

Un uomo minuto, dal corpo esile e con un casco a "palla di vetro" che lo fa assomigliare ad un astronauta, in un misterioso deserto rosso. E' così che inizia Planet Alpha, senza darci spiegazioni su chi siamo e cosa ci facciamo lì. Quando iniziamo a muovere il nostro personaggio, poi, notiamo che non sta benissimo: zoppica e cammina a fatica. Iniziamo comunque a percorrere il deserto roccioso, con visuale laterale a scorrimento, notando delle strane strutture cristalline finché non finiamo in una grotta e, all'uscita di questa, in un più classico deserto di sabbia "gialla" ma con sullo sfondo quelli che sembrano dei giganteschi baccelloni organici. Il vento alza nuvole di polvere e sopra di noi, al di fuori dello schermo, passa un essere che grazie alla grande ombra che proietta a terra capiamo essere una sorta di balena volante. Cala la notte; continuiamo a camminare finché non ci imbattiamo in un'altra grotta con dei focolari accesi, dove infine il protagonista cade a terra, sfinito. Quando si risveglia (ma è davvero un risveglio? Capirete questa domanda solo dopo aver completato il gioco) non zoppica più, corre e salta come un vero atleta, e procedendo nella caverna in cui si trova esce all'aperto trovando uno scenario spettacolare: alti fili d'erba ovunque, enormi fiori dai petali blu, piante dalle forme più strane e degli strani animali dal lungo collo sullo sfondo. Ora è chiaro: siamo sicuramente su un pianeta alieno, ma non è chiaro chi siamo né quale sia il nostro scopo.

img
E questo dubbio rimarrà fino alla fine: Planet Alpha è infatti un calzante esempio del detto "non è la destinazione, ma il viaggio che conta", vedendoci attraversare numerosi e bellissimi scenari alieni, dei tipi più disparati e con caratteristiche molto diverse gli uni dagli altri, in quello che a volte sembra un viaggio ed altre una vera e propria fuga, fino ad una destinazione finale che vi sorprenderà (e vi lascerà interdetti) ma che non rivelerà molto di quanto avete vissuto fino a quel momento. E non sarà un viaggio privo di pericoli: non a caso poco fa ho parlato di "fuga". A quanto pare, infatti, il mondo alieno in cui ci troviamo è nel pieno di una vera e propria invasione da parte di una belligerante civiltà robotica, che sta inviando su tutto il pianeta i suoi mortali automi che quali non esiteranno a spararci a vista.

MP Video - Planet Alpha

Nel corso delle 5-6 ore di durata di Planet Alpha dobbiamo quindi condurre l'innominato protagonista attraverso splendidi scenari, da prati alieni ricchi di vegetazione passando per grotte ricche di costruzioni cristalline fino a scenari invasi dalla lava rovente, correndo e saltando tra gli elementi dello scenario come nel più classico dei platform games a scorrimento. L'avventura è però complicata sia dai semplici enigmi che dovremo risolvere di tanto in tanto, come lo spostare dei massi per raggiungere aree più alte, oppure utilizzare delle particolari (e misteriose, come il resto del gioco) piattaforme che tramite la pressione dei due grilletti ci permettono di far ruotare velocemente il pianeta sul proprio asse così da passare dal giorno alla notte e viceversa; questo ci permette di attivare determinati meccanismi attivati dal giorno o la notte, alzando o abbassando delle rocce, facendo "sbocciare" dei funghi diurni che potremo poi usare come piattaforme oppure attivando delle piante luminescenti notturne che, quando attraversate, velocizzano la nostra corsa permettendoci di saltare oltre spazi molto ampi.

Quando incontriamo i nemici - robot di pattuglia, droni che scansionano l'ambiente o anche giganteschi robot mortali - combatterli non è un'opzione visto che sono in grado di carbonizzarci in un istante. Qui emerge quindi un altro lato del gioco, le meccaniche stealth: nei casi più semplici basta camminare accovacciati in mezzo alla vegetazione per non farci notare, ma altre volte bisognerà spostarsi in sincrono con i movimenti nemici per nascondersi dietro a rocce ed altri elementi, passare inosservati quando sono girati o anche spostare enormi massi dietro i quali nasconderci al momento giusto. Questa meccanica è aiutata anche dalla profondità dei livelli: anche se noi ci muoviamo unicamente su un piano bidimensionale, le ambientazioni sono completamente in 3D con elementi dello scenario che possono posizionarsi sullo sfondo così come in primo piano, coprendo talvolta la visuale della telecamera, e lo stesso vale per i nemici. Per evitare di essere visti basta quindi a volte passare davanti ad una pianta o un picco roccioso esattamente nel momento in cui un bot vi sta passando dietro, così che non noti il nostro passaggio.

img
Non c'è molto altro da dire sul gameplay di Planet Alpha, oltre al notare la presenza di alcune varianti sul tema come delle sezioni dove il protagonista scivola velocemente lungo scoscesi pendii e dobbiamo farlo saltare nei momenti giusti, oppure alcuni livelli extra raggiungibili tramite dei buchi neri nascosti negli scenari che ci trasportano in una sorta di altra dimensione a bassa gravità, dove dobbiamo cercare di procedere compiendo enormi salti tra blocchi giganti in continuo movimento. Il cuore del gioco è comunque e senza dubbio l'esplorazione delle splendide ambientazioni, mentre enigmi e parti stealth/action, pur presenti in quantità, non rappresentano grandi ostacoli ma solo delle semplici varianti al normale platforming.

Amore

Bellezza aliena

- Se non fosse per quegli odiosi invasori robot, il pianeta di Planet Alpha sarebbe una perfetta meta di villeggiatura in tutto l'universo. Il mondo del gioco presenta infatti una gran varietà di ambientazioni tutte bellissime, da rigogliose campagne aliene passando per isole galleggianti nei cieli fino a misteriosi ruderi di un'antica civiltà, passando per deserti, grotte ricche di cristalli e altro. Il tutto è reso con una coloratissima e vivida grafica ed un efficace sistema di illuminazione dinamica accompagnato all'ottima sensazione di profondità offerta dalla grafica 3D, che rendono un vero piacere attraversare tutte le ambientazioni dall'inizio alla fine. Ogni tanto, soprattutto nelle sequenze più frenetiche, qualche calo di frame-rate intacca la fluidità dell'esperienza, ma si tratta di rare occorrenze facilmente perdonabili.

A nascondino con i robot

- Le sezioni stealth in cui dobbiamo attraversare inosservati le aree pattugliate dagli invasori robot sono le più coinvolgenti del gioco, anche se non particolarmente difficili; il titolo di Planet Alpha ApS punta tutto sulla meraviglia provata nell'ammirare gli scenari e molto poco sul senso di sfida, ma queste sezioni riescono comunque ad arricchire e rendere più vario il gioco.

Odio

Storia non pervenuta

- Con degli scenari così belli, è un vero peccato che Planet Alpha non abbia una vera storia da raccontare. Si possono fare ipotesi su chi sia il protagonista e sullo svolgimento del suo viaggio fino al sorprendente finale, ma di fatto non ci viene spiegato nulla della sua natura, se sia nativo del pianeta o ci si sia trovato per caso, né su chi siano gli invasori. Il giocatore è semplicemente un osservatore di passaggio che assiste ad un frammento di vita di questo pianeta alieno. Un minimo di storytelling, anche sotto forma di manufatti, iscrizioni o graffiti, non avrebbe guastato.

Enigmi fin troppo basilari

- Sposta il masso e salici per raggiungere un appiglio in alto, ruota il pianeta per cambiare ora del giorno e far sbocciare determinate piante oppure far spostare degli elementi dello scenario: gli enigmi del gioco si limitano a queste poche possibilità e non risultano mai particolarmente difficili o impegnativi. Per il tipo di gameplay che offre, invece, Planet Alpha avrebbe potuto aspirare a proporre enigmi più complessi e variegati come quelli visti in Limbo ed Inside; sa un po' di occasione persa.

Tiriamo le somme

Planet Alpha è uno splendido viaggio in un affascinante e variegato mondo alieno, tra rigogliosa vegetazione, fantastici animali volanti e sotto la costante minaccia di un mortale invasore. Il livello di sfida è quasi nullo e le sezioni puzzle e con nemici sono lì più per variare il gameplay che non per mettere alla prova il giocatore, ma il titolo merita di essere giocato dall'inizio alla fine anche solo per gli stupendi scenari che sa offrirci. Se siete affascinati dagli scenari alieni e artisticamente superlativi, è sicuramente un gioco da provare.
7.5

c Commenti


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, inizia nel 2002 un'avventura da insider nel mondo dei videogiochi partendo con la concorrenza ma maturando sempre più interesse per il mondo Playstation. Nel 2013 decide finalmente di aprire MondoPlay, con l'obiettivo di farlo diventare il sito di riferimento per tutti gli amanti italiani della console Sony.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus