MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Warriors Orochi 4
copertina

Recensione - Warriors Orochi 4

A distanza di ben quattro anni dalla riedizione del terzo capitolo, e dopo il non riuscitissimo esperimento open world di Dynasty Warriors 9, Koei Tecmo ritorna sui propri passi abbracciando nuovamente il classico stile Musou con Warriors Orochi 4, arricchendolo però con novità interessanti ed un roster mai visto prima. Sarà sufficiente per ritrovare l'affetto dei fan delusi? Scopriamolo nella nostra recensione.

Il Gioco

Il particolare genere dei Musou è, forse più di molti altri, quello che mette il giocatore immediatamente davanti ad un bivio: o piace o è letteralmente repellente, non esistono vie di mezzo. Se appartenete alla seconda categoria potete tranquillamente evitare di proseguire nella lettura, perchè Warriors Orochi 4 è il capitolo con maggior fan service della saga e non mira certo a far cambiare idea a chi questo genere non l'ha mai apprezzato. La scelta di stravolgere il genere avvenuta nel nono capitolo di Dynasty Warriors, con l'adozione dell'inedito open world, ha scontentato la stragrande maggioranza dei fan ed è evidente che questo Warriors Orochi 4 sia qualcosa di molto simile ad un biglietto di scuse da parte dei ragazzi di Omega Force.

img
Bene, se state ancora leggendo vuol dire che, proprio come il sottoscritto, i Musou hanno su di voi quel particolare fascino, e difficilmente questo quarto capitolo della saga dedicata al Dio Serpente vi deluderà. La storia sfrutta per l'ennesima volta il cliché dei varchi spazio-temporali, scelta obbligata vista la riunione di personaggi di ere diverse come quella dei tre Regni della Cina e i Samurai del Giappone feudale, ma questa volta la minaccia arriva direttamente dagli Dei dell'Olimpo e non solo... quel giocherellone di Zeus sempre intento a divertirsi con gli inermi umani, ha deciso di creare un nuovo mondo per poi sfruttarlo come parco giochi personale, affrontando i più grandi eroi della razza umana da una posizione di sicuro vantaggio visti i suoi enormi poteri. Per creare questo nuovo mondo sfrutta il potere di alcuni braccialetti, ma non tutti gli Dei dell'Olimpo sono d'accordo con il Re degli Dei. Perseus infatti decide di intervenire proprio mentre il padre sta compiendo l'esperimento: decide così di rubare alcuni dei braccialetti Uroboros, sperando di impedire il compimento del crudele piano di Zeus. Comincia così la particolare trama di Warriors Orochi 4 che ci accompagnerà con più colpi di scena e con l'apparizione di un numero mostruoso di ufficiali tra volti noti ed altri inediti, arrivando al clamoroso numero di 170 personaggi giocabili.

Come da tradizione per la serie Orochi, anche questo quarto capitolo ci consente di utilizzare un party composto da tre personaggi liberamente intercambiabili tramite la pressione dei grilletti. Questo cambio non è fine a se stesso, ma ci consente di continuare i nostri attacchi, creando combo davvero esagerate. Oltre ai tre personaggi "titolari", in questo quarto capitolo possiamo sceglierne altri quattro da utilizzare come supporto e per il nuovo attacco magico Unity: una volta caricato il relativo indicatore potremo scatenare la furia di tutti i nostri sette eroi contemporaneamente, con una sfera di energia che eliminerà in un colpo solo centinaia di nemici. Questo non è l'unico attacco magico che abbiamo a disposizione e rappresenta una delle maggiori novità di questo capitolo. Ogni personaggio infatti ora può contare su questi nuovi attacchi e per farlo sarò sufficiente tenere premuto RB accoppiandolo ad uno degli altri tasti: con il tasto A invocheremo il nostro destriero, con X utilizzeremo l'attacco Magico di base, con Y l'attacco Magico Caricato - che consumerà per intero l'indicatore - e infine con il tasto B utilizzeremo l'attacco Magico Unico, il più potente dei tre, ma che consumerà, oltre all'indicatore di magia, anche quello del classico attacco Musou. Come da tradizione ogni personaggio sfoggerà attacchi diversi e l'introduzione di questi nuovi attacchi magici rende il gameplay ancora più spettacolare e furioso: utilizzare le nostre combo in mezzo ad orde di centinaia e centinaia di nemici è assolutamente soddisfacente, in perfetto stile Musou portato all'ennesima potenza.

MP Video - Warriors Orochi 4

Come vi dicevo il perno della trama di Warriors Orochi 4 è rappresentato dallo scontro con gli Dei e dai temibili bracciali Uroboros. Una volta sottratti a Zeus, questi bracciali finiranno nelle mani di alcuni personaggi e ci consentiranno di sfruttare il potere degli Dei contro loro stessi. Per farlo sarà necessario sconfiggere le Forme del Caos; queste sono forze naturali manipolate dagli Dei, praticamente invulnerabili agli attacchi normali, ma sensibili a quelli magici e, una volta sconfitte, potranno darci come bonus le Pietre Divine. Queste ci consentono una vera e propria trasformazione, a patto che si usi uno dei personaggi capaci di padroneggiare i bracciali. Sfruttando il potere Divino diventeremo potentissimi, velocissimi e con l'indicatore di magia sempre carico; avremo inoltre accesso ad un nuovo e devastante attacco magico unico, capace da solo di devastare le truppe nemiche, ufficiali compresi. In caso contrario potremo comunque sfruttare le pietre Divine andando in modalità Rage, ottenendo forza, difesa e velocità al massimo, ma dalla breve durata e senza particolari benefici ai nostri attacchi magici a parte una maggiore velocità nella ricarica della barra della magia.

Oltre a queste gradite novità dal punto di vista del combat system, anche l'hub che precede le missioni è stato completamente rinnovato ed arricchito. Scompare quindi il classico villaggio/campo base, sostituito da canonici menu che si rivelano immediatamente più comodi ed intuitivi da utilizzare. Qui possiamo comporre il nostro Party e gli ufficiali di supporto scegliendoli tra tutti i personaggi sbloccati, possiamo potenziarne il livello utilizzando le gemme guadagnate dopo ogni missione, ma anche potenziarne le mosse tramite gli Skill Points. In passato mosse e livello erano strettamente collegati, ora invece sono due cose distinte e questo ci consente di avere un ottimo numero di combo anche a livelli relativamente bassi, rendendo più piacevole l'utilizzo di personaggi appena sbloccati, una scelta obbligata visto il roster enorme che il gioco ci offre. Un'altra gradita novità strettamente collegata al numero di personaggi disponibili, è la possibilità di mandare ad allenarsi gli ufficiali che non stiamo utilizzando nel party. Per farlo però dovremo spendere delle gemme nel potenziamento della base, ottenendo quindi la possibilità di sfruttare diversi bonus, tra cui il Training stesso. Proseguendo nel gioco avremo diversi allenamenti che copriranno parametri differenti: potremo decidere di far meditare i nostri ufficiali - tre per sessione - aumentandone il livello e rinsaldando i legami tra loro, oppure potremo decidere di mandarli in perlustrazione ottenendo armi potenti e materiali per il potenziamento delle stesse armi. Potenziamento delle armi che ha ricevuto un rinnovamento rispetto al capitolo scorso. Non abbiamo più la possibilità di acquistare le armi, ma le possiamo ottenere solo giocando o tramite l'allenamento; queste sono sempre suddivise in varie categorie, da una a cinque stelle, e spesso avranno dei bonus particolari ad esse collegati. Bonus che possiamo modificare a nostro piacimento tramite l'utilizzo dei materiali raccolti, oppure smantellando le armi che non utilizziamo per ottenerne i relativi materiali per poi riutilizzarli a nostro piacimento. Il numero di armi ed i relativi bonus è proporzionato al numero di ufficiali, dandoci la possibilità di creare infinite variabili per ognuna delle armi a nostra disposizione.

img
La struttura delle missioni è quella classica della serie; non dovremo preoccuparci di conquistare le basi nemiche, ma sarà sufficiente seguire le istruzioni che ci daranno gli altri ufficiali per completare una missione sconfiggendo l'esercito nemico. Alla fine di ogni combattimento otteniamo la classica valutazione in lettere, dettata principalmente dal numero di KO e dal tempo impiegato, oltre a bonus come gemme, cristalli, armi e materiali ed ogni missione avrà anche altri tre obiettivi opzionali che, se compiuti, ci offriranno ulteriori ricompense. Ovviamente, visto il numero di personaggi presenti, in ogni missione sbloccheremo nuovi combattenti andando ad arricchire il roster a nostra disposizione. Compaiono per la prima volta anche le Side Mission, ossia delle missione slegate dalla trama principale, ma che ci consentiranno di sbloccare altri ufficiali. Nuove anche le missioni Pandemonium; queste sono la riproposizione di missioni che abbiamo già completato, ma ad un nuovo livello di difficoltà elevatissimo, Pandemonium appunto, e con la comparsa di terribili nemici speciali come Hundun. Queste sono le missioni più impegnative del gioco, basterà davvero poco per soccombere e sarà impossibile trovare dei bonus all'energia od al Musou in giro per la missione, rendendole davvero impegnative, specialmente con personaggi di basso livello o senza i giusti potenziamenti. Tutte le battaglie, sia della Storia, che le Side Mission e le Pandemonium possono essere giocate anche in split screen con un nostro amico, oppure direttamente online con altri giocatori in giro per il mondo, basterà decidere come affrontare la missione appena prima di iniziarla, lasciando al giocatore totale libertà di scelta.

img
Sempre rimanendo in tema online, Warriors Orochi 4 ci offre una nuova modalità: la Battle Arena. Qui possiamo scontrarci con altri giocatori in una particolare modalità "Conquista" simile a quella che abbiamo già visto nei più noti FPS: nella mappa di gioco troviamo alcuni altari che dovremo conquistare semplicemente standogli vicino, cercando al contempo di difenderli dai nemici e di conquistare i loro andando ad accumulare il maggior numero di punti prima del termine del match. Una modalità interessante e diversa dal solito, ma che purtroppo non sono riuscito a giudicare appieno a causa del ristretto numero di giocatori disponibili al momento della stesura di questa recensione.

Amore

Il più grande Musou di sempre

- Centosettanta personaggi giocabili, un numero enorme, quasi assurdo. Da sempre Koei Tecmo con Warriors Orochi ci offre moltissimi contenuti, e questa volta si sono addirittura sorpassati. Avere a disposizione praticamente tutti i personaggi provenienti da Dynasty Warriors e da Samurai Warriors, uniti ad un interessante pacchetto di nuovi personaggi provenienti direttamente dalla mitologia treca e non solo, oltre ai classici personaggi degli Orochi, rende questo gioco una vera e propria enciclopedia Musou dedicata ai fan di questo particolarissimo genere.

Crescita dei personaggi azzeccata

- Avere 170 personaggi giocabili è certamente una grandissima cosa, ma naturalmente ha i suoi effetti collaterali. Fortunatamente i ragazzi di Omega Force hanno avuto le giuste idee per limitare i problemi che un roster simile porta con sé. Separare il livello del personaggio dalle combo che può compiere è una mossa azzeccata che da sola riesce a mantenere sempre appetibile l'utilizzo di nuovi ufficiali appena sbloccati. Sarà quindi sufficiente qualche battaglia e una manciata di Skill Points - ne otteniamo uno ad ogni level up - per poter sbloccare buona parte delle mosse che un ufficiale può compiere, rendendo le combo più profonde senza il bisogno di giocare per decine di ore. Stesso dicasi per la gradita introduzione delle sessioni di allenamento. Poter mandare i personaggi appena sbloccati ad allenarsi, ottenendone un discreto livellamento ed un buon numero di armi e materiali, è una cosa utilissima che ci aiuta a far crescere i nostri personaggi senza l'obbligo di doverli utilizzare in missione.

Tecnicamente un deciso passo avanti

- Se paragoniamo Warriors Orochi 4 a Dynasty Warriors 9, è evidente il netto miglioramento del gioco dal punto di vista tecnico, non che fosse difficile visti i tantissimi problemi di questa natura che colpivano l'ultimo Musou. Il motore è il medesimo che abbiamo visto nei Samurai Warriors e non ha mai mostrato particolari problemi, esclusi dei piccolissimi rallentamenti di qualche frazione di secondo che accadono solo ed unicamente durante gli attacchi più spettacolari, che colpiscono qualche centinaio di nemici contemporaneamente. Rallentamenti che non influiscono minimamente sull'azione di gioco che si mantiene sempre fluida e godibile: vedere i nostri personaggi destreggiarsi tra esplosioni, colpi magici spettacolari e ricchi di effetti, il tutto in mezzo a centinaia di nemici è un bello spettacolo. Grandi passi avanti anche dal punto di vista della definizione dei 170 personaggi, tutti realizzati più che discretamente. Godibili anche il sistema di illuminazione ed i campi di battaglia, ora molto più dettagliati e vari rispetto al passato.

Battaglie spettacolari

- L'introduzione dei nuovi attacchi magici, le trasformazioni dei personaggi in semi divinità, la moltitudine di effetti che rilasciamo ad ogni colpo, il solito, enorme numero di nemici che avremo di fronte e la buona realizzazione tecnica, fanno delle battaglie di Warriors Orochi 4 un vero e proprio tripudio! Vedere centinaia e centinaia di nemici finire in aria a causa delle nostre combo è un vero spettacolo che farà felice ogni appassionato di Musou che proverà questo gioco. Per i fan è un acquisto obbligato!

Checkpoint!

- Finalmente i ragazzi di Omega Force hanno deciso di introdurre dei checkpoint automatici all'interno delle missioni. Non avremo più il fastidio di morire improvvisamente per poi dover ricominciare la missione dal principio, ma possiamo comodamente ripartire dal checkpoint. Aspetto che torna utile soprattutto nella battaglie Pandemonium, dove sono sufficienti un paio di colpi per mandarci ko.

Odio

Difficoltà sbilanciata

- Storicamente l'intero genere Musou non è mai stato proibitivo, specialmente potenziando a dovere i nostri personaggi, ma Warriors Orochi 4 ha il suo maggior punto debole proprio nel livello di sfida piuttosto basso. Anche a livello difficile non ho incontrato particolari problemi, specialmente proseguendo nel gioco e potenziando i miei ufficiali. Gli attacchi magici, soprattutto alcuni decisamente utili, facilitano molto il lavoro ed ho notato che certi personaggi, se opportunamente potenziati, diventano delle vere e proprie macchine da guerra inarrestabili. Utilizzando l'affascinante Nō ad esempio, ho sfruttato fino alla nausea il suo attacco magico di base, capace di colpire a 360 gradi e di raggruppare i nemici in un unico punto, per poi proseguire con una combo di base e poi ricollegare il medesimo attacco magico all'infinito. Inoltre questo attacco ha il pregio di consumare pochissima magia ed è anche imparabile dagli ufficiali nemici, diventando davvero troppo vantaggioso per il giocatore. A questo dobbiamo aggiungere anche l'enorme generosità del gioco nell'offrirci armi, e soprattutto materiali per potenziarle a dismisura, e certi potenziamenti diventano in breve troppo potenti. Ho equipaggiato le armi della stessa Nō con la capacità di rigenerare l'energia vitale e quella Musou semplicemente colpendo i nemici e, sfruttando il già citato attacco magico di base, ho ottenuto un personaggio praticamente invulnerabile e con l'energia sempre al massimo. Così facendo anche le missioni Pandemonium - che sono di gran lunga le più impegnative - diventano una piacevole passeggiata di salute. Sta quindi a noi non abusare della generosità del gioco nell'offrire potenziamenti, mantenendo un tasso di sfida accettabile, altrimenti si corre il rischio di annullare ogni genere di difficoltà, riducendo letteralmente a zero il tasso di sfida.

Ciao ciao localizzazione

- Uno dei pochi punti a favore di Dynasty Warriors 9 era la localizzazione in italiano dell'intero gioco, escludendo solo il doppiaggio. Warriors Orochi 4 purtroppo torna alle origini anche da questo punto di vista, diventando quindi interamente in inglese nei testi e menu, lasciando i dialoghi parlati o in inglese o in giapponese. Questo può causare qualche piccolo problema specialmente nelle fasi iniziali del gioco: destreggiarsi tra i molti menu disponibili non sarà semplice se non masticate un minimo d'inglese.

Tiriamo le somme

Warriors Orochi 4 è senza dubbio il miglior esponente della serie: ricchissimo di contenuti, con una mole di personaggi e potenziamenti assurda, realizzato discretamente e senza i classici problemi tecnici che colpiscono da sempre i Musou. Le parecchie novità introdotte ne migliorano il gameplay e ci regalano battaglie davvero esagerate, con colpi spettacolari e ricchi di effetti di ogni tipo in mezzo a centinaia di nemici, praticamente un vero e proprio paradiso per gli appassionati degli Hack'n Slash di Koei Tecmo. Il suo unico e grosso difetto è l'eccessiva facilità, unita alla troppa generosità nell'offrirci potenziamenti di ogni tipo. Se si abusa di questi aspetti si ottiene un gioco praticamente privo di un qualsivoglia livello di sfida, anche ai livelli di difficoltà più elevati. Sta quindi a noi gestire con oculatezza lo sviluppo dei nostri personaggi, magari cambiandoli spesso e provando la moltitudine di ufficiali a disposizione, mantenendo quindi una difficoltà accettabile anche se sarà sempre piuttosto bassa.
7.8

c Commenti

copertina

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus