MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Desperados III
copertina

Recensione - Desperados IIIPS4Game

di P 12 giu 2020
A più di 19 anni di distanza dall’uscita del primo Desperados, con Desperados III Mimimi Productions e THQ Nordic invitano i giocatori a indossare nuovamente i polverosi abiti del cacciatore di taglie in un ambizioso prequel a base di tattica, vendetta e colpi di revolver. Scopriamo insieme se le aspettative dei fan siano state soddisfatte!

Il Gioco

Se, come il sottoscritto, amate gli strategici e se, sempre come il sottoscritto, avete qualche anno in più sulle spalle, sicuramente vi ricorderete di “Desperados: Wanted Dead or Alive”, titolo tattico in salsa western così traboccante di qualità e carattere da rimanere impresso in modo indelebile nel cuore e nella memoria di tutti gli appassionati anche molti anni dopo la pubblicazione, datata 2001. Desperados III riprende molti degli elementi chiave che hanno permesso al titolo originale di raggiungere questo risultato, collocandosi temporalmente prima degli eventi narrati nel capitolo da cui tutto ebbe inizio. Siamo nel 1870 e il cacciatore di taglie John Cooper non ha ancora designato quelli che diventeranno a tutti gli effetti i suoi alleati negli anni successivi. A spingerlo in questo momento non sono infatti i soldi o un incarico potenzialmente molto remunerativo, ma la vendetta. John è da tempo sulle tracce di Frank, un losco figuro con il quale ha un conto in sospeso sin dalla giovane età e che, al momento, collabora con la poco rispettabile compagnia gestita dalla famiglia DeVitt. Per scovarlo, il protagonista attraverserà il Colorado, la Luisiana e il New Mexico affrontando nemici e pericoli, ma non sarà solo. Durante il viaggio John incontrerà infatti altri 4 personaggi, collegati in modo più o meno diretto alla famiglia per la quale lavora Frank, con i quali formerà una vera e propria squadra di cacciatori di taglie pronti a tutto per raggiungere i rispettivi scopi.

img
Sono queste le premesse narrative di Desperados III, il nuovo titolo tattico in tempo reale sviluppato da Mimimi Productions, dalle quali prende il via una trama raccontata anche attraverso numerose scene di intermezzo, realizzate con lo stesso motore grafico del gioco. Un viaggio epico, ricco di colpi di scena e di deviazioni impreviste, pensato per essere godibile sia da coloro che hanno giocato il capitolo originale sia da coloro che si affacciano per la prima volta alla serie. Lo stesso discorso vale per il gameplay, che riprende molti degli elementi classici della saga e del genere al quale appartiene, ma senza disdegnare qualche interessante novità, così da risultare familiare sia ai giocatori più esperti sia ai neofiti. Desperados III è a tutti gli effetti un titolo tattico stealth in tempo reale con visuale isometrica libera, nel quale il giocatore controlla di volta in volta uno o più membri della banda capitanata da John Cooper. Inizialmente abbiamo a disposizione solo il cacciatore di taglie, al quale però si uniscono ben presto il Dottor Arthur McCoy, il cacciatore Hector Mendoza, l’affascinante Kate O’Hara e la misteriosa Isabelle Moreau. Ognuno di questi 5 personaggi ha le proprie motivazioni per odiare la famiglia DeVitt e, soprattutto, dispone di un set di abilità uniche indispensabili per mettere in difficoltà gli scagnozzi della compagnia o i seguaci di Frank.

MP Video - Desperados III

Ogni livello di Desperados III brulica infatti di nemici più o meno pericolosi, che John e la sua banda non possono in alcun modo sperare di superare solo con la forza. Data la costante disparità numerica, i protagonisti devono quindi fare di tutto per non farsi scoprire durante le varie missioni, rimanendo per quanto possibile fuori dalla portata visiva dei nemici, visualizzata a schermo con il classico “cono”, nascondendo i cadaveri o i corpi legati nei posti più disparati ed elaborando tattiche articolate basate sulle capacità dei singoli e sul tempismo di esecuzione. John, per esempio, dispone di un coltello estremamente affilato, che può essere utilizzato per uccidere silenziosamente da vicino o come arma da lancio, di una scorta di monete, utili per distrarre temporaneamente le guardie più curiose, e di un classico revolver a 6 colpi. “Doc” McCoy, che preferisce metodi più discreti, può invece lanciare una valigetta speciale che stordisce temporaneamente coloro che commettono l’errore di aprirla, può uccidere i nemici con un'iniezione letale, può colpirli dalla distanza con un’arma dotata di mirino e può curare le proprie ferite o quelle dei compagni.

img
Il gigantesco Hector, in modo diametralmente opposto, punta tutto sulla sua forza bruta, su un fucile a canne mozze capace di mandare al creatore in modo istantaneo più nemici e sull’uso della fidata ascia in accoppiata con “Bianca”, una tagliola tanto letale quanto difficile da individuare, specie se si viene attirati in disparte con un fischio. Decisamente più elegante Kate, che usa fiale di profumo per accecare i nemici prima di finirli con la propria pistola da borsetta e che, se la situazione lo consente, può travestirsi utilizzando vestiti rubati così da distrarre o ammaliare i malcapitati avversari. Ultima, ma non certo per importanza, è la misteriosa Isabelle, che può contare su alcune capacità soprannaturali. Grazie ai poteri della magia Voodoo, Isabelle può infatti prendere il controllo degli esseri viventi che incontra, siano essi umani o animali, per piegarli al proprio volere o “connetterli” attraverso un legame magico che fa si che ciò che accade a uno, capiti anche all’altro. Quest’ultima infine porta con sé un simpatico gatto, utilizzabile in caso di bisogno per distrarre temporaneamente le guardie dal cuore tenero.

In aggiunta a queste abilità, ogni personaggio possiede poi caratteristiche fisiche peculiari che influiscono sulla velocità di movimento, sulla capacità di spostare cadaveri e sulle opzioni di combattimento corpo a corpo disponibili. Le stesse distinzioni si applicano, con le dovute limitazioni, anche alle fila avversarie. In Desperados III sono presenti varie tipologie di nemici, le quali differiscono l’una dall’altra per reattività, resistenza, dotazioni e comportamento. Ci sono i pistoleri semplici, non particolarmente rapidi e che si fanno distrarre fin troppo facilmente, i soldati con i giubbotti rossi, che non abbandonano la loro posizione per nessuna ragione al mondo, gli scagnozzi con il cappotto, estremamente letali e quasi impossibili da abbattere con attacchi corpo, i cecchini e così via. L’unica cosa che accomuna tutti i nemici è la volontà di neutralizzare la banda di John ed è per questo che i protagonisti devono evitare i tutti i modi di essere individuati, di fare troppo rumore o di lasciare tracce, quali cadaveri o oggetti fuori posto. Quando succede, i nemici entrano in stato di allerta e il cono della visuale inizia a cambiare progressivamente colore passando dal verde al giallo. Se i protagonisti riescono a uscire dal campo visivo o a rimuovere le tracce prima di essere scoperti, l’unità può reagire in modo differente, ignorando l’accaduto o iniziando a indagare in modo più o meno scrupoloso.

img
Se i protagonisti vengono però individuati, le cose si complicano. In quel caso, i nemici infatti non esitano a sparare e a dare l’allarme, così da far accorrere altre unità nella zona. Uscire da queste situazioni non è affatto semplice e richiede grandi capacità perché si può soltanto sperare di abbattere tutti i nemici o di seminarli, facendo perdere le proprie tracce per un certo lasso di tempo. Ne consegue quindi che l’opzione frontale in Desperados III, così come nella maggior parte dei titoli simili, non sia mai quella consigliata. Per trionfare e superare i livelli senza troppi rischi, è preferibile adottare per quanto possibile un approccio stealth, eliminando progressivamente tutti i nemici e sfruttando a proprio favore i ripari presenti, gli elementi interattivi e le caratteristiche delle varie ambientazioni. Da questo punto di vista, il terzo capitolo della saga di Desperados garantisce una varietà di situazioni notevole, che spaziano dalle ambientazioni rurali alle strade della città di New Orleans, passando per ranch, tenute facoltose, valichi montani, miniere e molto altro ancora. Ognuno di questi livelli offre un diverso tipo di sfida, ma non solo. Gli sviluppatori hanno infatti introdotto una lunga serie di elementi opzionali con i quali interagire tra cui animali, che possono essere usati in vario modo e controllati attraverso Isabelle, postazioni fisse, pozze di petrolio da incendiare, massi in equilibrio precario, strutture pericolanti e tanto altro. A margine di tutto questo troviamo poi alcune novità interessanti, come la presenza di aree neutrali nelle quali i protagonisti possono muoversi liberamente a patto di non commettere azioni illegali, le missioni in notturna, dove la luce riveste un ruolo fondamentale, e la presenza di alcuni fondi nei quali i personaggi lasciano impronte che le pattuglie nemiche possono facilmente notare.

img
L’insieme di tutti questi aspetti rende la pianificazione un elemento fondamentale, ma non è tutto. Essendo un gioco in tempo reale, Desperados III non presenta limiti per quanto riguarda i movimenti dei personaggi, ma molte delle abilità e degli strumenti a disposizione dei vari personaggi prevedono un numero definito di utilizzi e/o un tempo di “cool-down”. All’atto pratico, queste caratteristiche impediscono al giocatore di interpretare il titolo come un action puro dove risolvere tutto a colpi di arma da fuoco o come uno strategico a turni dove sia ha tutto il tempo di pianificare le proprie mosse. Qui entra in gioco la modalità “Resa dei Conti” che, una volta attivata, consente al giocatore di mettere virtualmente in pausa l’azione e “registrare” le mosse future che dovranno essere compiute da uno o più protagonisti. Una volta completata la pianificazione, si può eseguire subito il piano, e godersi i risultati, o metterlo in pratica in un secondo momento, nella sua interezza o uno step dopo l’altro. Nonostante tutti questi accorgimenti, vi ritroverete comunque a dover ricaricare spesso la partita ed è per questo che gli sviluppatori hanno inserito, anche nella versione console, la possibilità di salvare o caricare in modo rapido. Al termine di ogni missione, al giocatore vengono inoltre mostrati un riepilogo dettagliato delle sue azioni e un replay integrale con vista dall’alto nel quale vengono evidenziati tramite linee colorate e icone, tutti i movimenti e tutte le azioni compiute, così da permettere un’analisi puntuale delle strategie messe in campo.

Desperados III propone al giocatore 16 missioni per un totale di circa 20/25 ore di gioco. Si tratta comunque di un dato puramente indicativo, in quanto ogni incarico propone diversi obiettivi secondari e può essere affrontato selezionando uno dei 4 livelli di difficoltà crescente, che vanno a influire sul numero e sulla tipologia dei nemici presenti, sulla salute dei vari personaggi, sulle munizioni a disposizione, sulla velocità di rilevamento da parte dei nemici, sulla presenza di un eventuale limite massimo di salvataggi e sull’attivazione della pausa quando si utilizza la modalità Resa dei Conti. In alternativa, il giocatore può anche decidere di settare a proprio piacimento i vari parametri di difficoltà, così da personalizzare al meglio l’esperienza. Da un certo punto della trama in avanti, il giocatore può inoltre decidere di cimentarsi con le “Sfide del Barone”, ovvero versioni alternative di alcune missioni principali caratterizzate da obiettivi, trama e personaggi diversi da quelle originali. Al momento il titolo ne include solo 5, ma Mimimi Production ha già espresso l’intenzione di rilasciare altre sfide in futuro attraverso upgrade gratuiti.

img
Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, gli sviluppatori di Desperados III hanno deciso di appoggiarsi nuovamente al motore Unity, che si dimostra ancora una volta in grado di gestire titoli di questo tipo senza particolari compromessi, almeno nella versione Xbox analizzata per la recensione. E’ però opportuno segnalare che il gioco non è ottimizzato per PS4 Pro e non supporta l’HDR. Sul fronte audio, l’ultimo capitolo della saga beneficia di una colonna sonora originale e del doppiaggio in 4 lingue differenti, tra le quali non è purtroppo presente l’italiano. Il titolo è comunque interamente localizzato per quanto riguarda le parti scritte, i sottotitoli e i menu.

Amore

Old but Gold

- Desperados III, come era facile prevedere, non rappresenta una rivoluzione per il genere al quale appartiene, ma bensì la dimostrazione pratica di quanto alcune formule “vintage” possano funzionare alla grande anche oggi con pochi, semplici, accorgimenti. La telecamera mobile, le abilità soprannaturali di Isabelle, le varianti alternative delle missioni e le nuove possibilità tattiche introdotte, in primis la modalità Resa dei Conti, rappresentano la giusta ventata di aria fresca per il genere e permettono al titolo di traghettare senza particolari difficoltà la giocabilità classica della serie nel panorama attuale.

Trama

- La sceneggiatura di Desperados III è uno degli aspetti che mi ha colpito di più, sia per quanto riguarda l’intreccio narrativo sia per quanto riguarda il ritmo e l’atmosfera generale. La storia che fa da sfondo alle gesta di John Cooper e della sua banda, pur senza brillare particolarmente per originalità, risulta infatti ben scritta e capace di coinvolgere il giocatore dall’inizio alla fine senza annoiare grazie al giusto equilibrio tra tutti gli elementi. In questo senso, la scelta di non rendere troppo serie le vicende e di mantenere sempre un tono leggero appare quanto mai azzeccata, consentendo al titolo di strappare un sorriso anche nei momenti più complicati.

Varietà

- In Desperados III non c’è mai un solo modo per risolvere una situazione o per completare una missione. Ogni livello mette infatti a disposizione del giocatore più strade e numerose possibilità di approccio, alcune delle quali vengono suggerite attraverso dialoghi tra nemici o NPC. Queste opportunità, unite alle caratteristiche dei vari protagonisti, garantiscono un ventaglio di opzioni potenzialmente smisurato sotto tutti i punti di vista. Chi impugna il pad può infatti decidere di uccidere meno avversari possibili, di farli passare a miglior vita in modi cruenti o “alternativi”, di sfruttare i civili e gli animali presenti a proprio vantaggio e così via. Le combinazioni possibili sono davvero tante e l’assenza di approcci obbligati rappresenta senza ombra di dubbio uno dei punti di forza del titolo.

Missioni

- A rendere Desperados III un titolo estremamente vario ci pensano ovviamente anche le missioni, tutte profondamente diverse sia per quanto riguarda le ambientazioni sia per quanto riguarda lo svolgimento generale. Si passa dai classici incarichi di salvataggio a quelli in cui bisogna uccidere uno o più nemici in sequenza, passando per missioni di infiltrazione e improbabili risvegli post-sbornia, fino ad arrivare alle peculiari Sfide proposte dal Barone. Anche da questo punto di vista, gli sviluppatori di Mimimi Productions dimostrano quindi di aver fatto tesoro dell’esperienza accumulata con i titoli precedenti, proponendo al giocatore un insieme di situazioni capace di soddisfare anche gli appassionati più esigenti.

Resa dei conti

- Di tutte le caratteristiche peculiari del gameplay di Desperados III, quella che mi ha colpito maggiormente è sicuramente quella legata alla possibilità di pianificare azioni corali, anche abbastanza elaborate, e di poterle mettere in pratica con la semplice pressione di un tasto. Questa funzionalità opzionale permette di dare vita a strategie di squadra completamente nuove e, soprattutto, spalanca le porte alla creatività dei giocatori che decideranno di sfruttarla, garantendo al titolo una maggiore profondità.

Odio

I.A. imperfetta

- Nonostante una realizzazione tecnica di ottima qualità, nemmeno Desperados III riesce a eliminare del tutto le inefficienze dell’intelligenza artificiale, che si traducono in comportamenti poco coerenti o in reazioni inadeguate. In alcune occasioni i nemici si lasciano infatti distrarre in modo fin troppo semplice, spesso è possibile ingannarli girando attorno agli oggetti, così da coglierli di sorpresa alle spalle, e a volte basta salire sopra una scala o entrare in un cespuglio per far perdere le proprie tracce. Ammetto poi che faccio davvero fatica a comprendere come gli sgherri della famiglia DeVitt possano tranquillamente tornare alle loro attività dopo averci visti entrare in un’area proibita o aver assistito alla sparizione improvvisa di un altro pistolero. Chiaramente si tratta di dinamiche che fanno parte del gameplay e aumentando il livello di difficoltà ovviamente le cose cambiano, ma sicuramente si poteva fare qualcosa per rendere meno prevedibili i comportamenti delle unità nemiche.

Telecamera

- Come spesso accade nei titoli con visuale isometrica, l’introduzione della telecamera libera porta con sé gioie e dolori. I “dolori” nel caso di Desperados III riguardano principalmente la difficoltà di trovare un sistema di movimento adatto a tutte le situazioni tra quelli disponibili nelle opzioni e la necessità di dover lavorare parecchio sulla posizione della telecamera per selezionare l’inquadratura giusta quando siamo vicini ai margini dello schermo o negli spazi stretti. Mano a mano che si procede nel gioco e si prende confidenza con il sistema di gestione della visuale per fortuna le cose migliorano, ma una maggiore attenzione da questo punto di vista avrebbe evitato ai giocatori qualche sporadica imprecazione.

Controlli migliorabili

- Adattare gli schemi di controllo e le dinamiche dei titoli nati su PC ai controller delle console rappresenta, da sempre, una delle sfide più complesse per gli sviluppatori. Desperados III, pur risultando più che sufficiente, non mi ha convinto del tutto sotto questo punto di vista. Alcuni passaggi risultano un po’ troppo laboriosi, specie quando si controllano molti personaggi, e alcune meccaniche, come la necessità di dover premere una delle levette analogiche per passare da un elemento interattivo all’altro in alcune situazioni, potevano sicuramente essere gestite meglio. Anche in questo caso la pratica permette di superare senza particolari difficoltà i limiti del sistema progettato dagli sviluppatori e la possibilità di modificare liberamente la mappatura dei tasti sicuramente aiuta, ma qualche perplessità alla fine resta.

Tiriamo le somme

Riportare in vita la serie di Desperados non era affatto un compito semplice, ma posso tranquillamente affermare che gli sviluppatori di Mimimi Productions ci siano riusciti. Desperados III è un titolo tattico vecchio stile, pensato principalmente per gli appassionati storici del genere ma che, allo stesso tempo, strizza l’occhio anche alle nuove generazioni con una giocabilità più accessibile, un comparto tecnico adeguato agli standard attuali e a una sceneggiatura in grado di soddisfare un'ampia fetta di pubblico. Qualche difetto ovviamente c’è, ma fortunatamente si tratta di elementi marginali che non vanno a intaccare in modo sensibile la qualità di una produzione che, onestamente, mi sento di consigliare a tutti gli amanti dei giochi di questo tipo.
8.3

c Commenti

copertina

L'autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS ed ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus