MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
MX vs ATV Legends
copertina

Recensione - MX vs ATV LegendsPS5 PS4Game

di P 2 lug 2022
In un periodo decisamente ricco per gli amanti di simulazioni motoristiche che siano a due o quattro ruote, THQ Nordic ci invita a tornare nella suo titolo dedicato al mondo off-road con MX vs ATV Legends. Scopriamolo insieme!
img

Il Gioco

MX vs ATV Legends è solo l’ultima evoluzione di una saga dalla storia lunga e, talvolta, tormentata. La storia del franchise, infatti, inizia nel 2001 con MX 2002 con Ricky Carmichael (testimonial e protagonista assoluto del titolo) e ATV Offroad Fury, entrambi gestiti da Rainbow Studios insieme a vari partner, anche se solo il primo fu pubblicato dall'originale THQ. Nel frattempo, la serie ATV Offroad Fury fu pubblicata da Sony su PlayStation 2 e infine su PSP. Il primo incrocio tra i due marchi è datato 2005 con MX vs. ATV Unleashed; prima della bancarotta, THQ avrebbe pubblicato altri tre titoli, mentre Nordic Games si sarebbe poi occupata della pubblicazione di MX vs. ATV Supercross nel 2014. La fondazione del nuovo studio di THQ Nordic ha nuovamente rimesso tutto in gioco con la pubblicazione di MX vs. ATV All Out nel 2018 e ora, a quattro anni di distanza, ecco arrivare la nuova produzione di MX vs ATV Legends firmata Rainbow Studios.

MP Video - MX vs ATV Legends

La nuova creatura di THQ Nordic, come nelle precedenti iterazioni, ha come obiettivo primario quello di far divertire il giocatore senza metterlo per forza (ma per chi lo volesse, troverà comunque pane per i suoi denti) alla prova con settaggi da laureato in ingegneria meccanica. Come avrete già ben capito, non abbiamo di fronte un gioco alla Assetto Corsa o Project Cars, ma piuttosto un qualcosa che, rapportato alle 4 ruote, si avvicina di più ad un Forza Horizon o, per meglio dire, a quel Riders Republic di Ubisoft che ha la capacità di far sentire chiunque un piccolo principe degli sport estremi. In questo contesto, vivace e chiassoso, MX vs ATV Legends ci sta alla grande e può regalare enormi soddisfazioni agli amanti dei veicoli fuoristrada, dalle moto da cross ai veicoli a quattro ruote leggeri ma tosti.

MX vs ATV Legends non è affatto l’opera prima degli sviluppatori di Rainbow Studios nel mondo dei motori. I ragazzotti in questione già si erano presentati su Nintendo Switch con MX vs ATV All Out, titolo divertente, ma con evidenti limiti grafici che hanno reso l’esperienza decisamente poco simulativa e, soprattutto, poco appagante. Con MX vs ATV Legends l’obiettivo è quello di offrire al giocatore un deciso passo in avanti in termini di esperienza di guida e, soprattutto, in termini di scenari nei quali muoversi pur senza esagerare in termini simulativi. Appena lanciate il gioco vi trovate in sella ad una moto da cross con il duplice obiettivo di prendere un minimo di dimestichezza con i comandi di gioco (comunque decisamente abbordabili per chiunque) e dare una prima occhiata alle ambientazioni che, in questo primo scenario, sono decisamente bucoliche trovandovi immersi in un terreno fatto quasi esclusivamente di erba alta e vegetazione molto fitta.

img
Quello che imparerete a capire in fretta è che tutto il gioco si alterna, se lo vorrete, tra competere in una vasta gamma di gare indoor ed outdoor e il girovagare tra fango e terriccio in una sorta di esplorazione open world. Già da queste prime battute capirete, però, come imparare a controllare la vostra moto, facendo particolare attenzione a come gestire lo stick destro, indispensabile per gestire le sterzate (elemento cruciale soprattutto se siete alla guida di moto da cross), e la frizione; proprio la padronanza di quest’ultima risulta fondamentale per imprimere la giusta spinta in partenza ed evitare di perdere subito terreno nei primi metri. Ma come si presenta il menu di gioco? Se dal punto di vista grafico risulta essere piuttosto elementare, anche se comunque decisamente pratico e pragmatico, di carne al fuoco ne abbiamo davvero tanta in quanto l’obiettivo primario degli sviluppatori, riuscito almeno per l’80%, era quello di proporre al giocatore un’esperienza a tutto tondo nel mondo dei veicoli fuoristrada.

A parte le consuete gare di Esibizione rapida nelle quali sceglierete il vostro pilota e relativo mezzo preferito per poi gettarvi nella mischia senza riflettere più di tanto, abbiamo le Prove a tempo, decisamente divertenti e in grado di non farvi staccare così facilmente dal pad. In entrambe le modalità gli scenari cambiano, spesso anche in maniera drastica, passando da paesaggi di montagna e collina dove, nel silenzio più assoluto, sentirete solo il rombo dei motori, fino alle gare al chiuso nelle quali, all’interno degli stadi, sentirete l’incitamento del pubblico che va a sovrapporsi al già citato rombo dei motori a 2 e 4 tempi.

Il cuore del gioco è, però, la modalità Carriera, decisamente una delle più complete mai viste in un titolo del genere in generale e, più in particolare, nelle precedenti versioni della serie MX vs ATV. Quest’ultima consente di sperimentare tutti i rischi e i vantaggi di essere un pilota professionista di fama mondiale con le vostre decisioni che vi possono condurre a diversi percorsi professionali, ognuno con peculiari opportunità di sponsorizzazione ed inviti successivi per eventi unici a seconda di cosa avete scelto (ad esempio una carriera da pilota di motocross rispetto a quella di pilota di ATV). Interessantissima la nuova modalità Trails per gare all'aperto ad alta intensità, con nuove sorprese dietro ogni angolo che metteranno alla prova il vostro stile di guida con modalità decisamente inedite. L'idea alla base di questa innovazione è quella di tracciare un percorso basato sulla distanza più breve per raggiungere la destinazione, piuttosto che seguire un percorso predeterminato: sarete, in definitiva, i progettisti del vostro percorso preferito.
Tutto questo avviene mediante l'adozione di percorsi ramificati - che a volte richiedono decisioni in una frazione di secondo - e l'attraversamento di burroni, foreste, spiagge e altri pericoli.

img
Se la carriera prevede principalmente l’impegno a gareggiare con moto da cross ovvero veicoli fuoristrada, anche dune buggies e camion sportivi sono stati inclusi nel roster dei veicoli a disposizione e possono essere tutti impiegati nelle altre modalità di gioco. A mio personale modo di vedere, poi, i camion sono quelli che regalano le ore di più intenso divertimento, proprio per le loro capacità “distruttive” anche se le acrobazie da freestyler dei piloti di motocross sono un gran bel vedere. THQ Nordic ha anche pensato ad un bel comparto multiplayer con quello online che supporta fino a 16 giocatori con un gioco basato sulla creazione di squadre di piloti in grado di aiutarsi, ad esempio, l’uno con l’altro per uscire da situazioni di difficoltà (è il caso, ad esempio, di quando si resta impantanati da qualche parte). Se non volete avventurarvi online o volete semplicemente giocare con gli amici offline, THQ Nordic ha pensato anche a voi in quanto è supportata la modalità split-screen per due giocatori in locale, che dovrebbe dare vita a battaglie accese nelle gare più impegnative.

Abbiamo finora parlato delle modalità di gioco ma, scesi in pista, cosa succede? Come appare il gioco ai nostri occhi? E, soprattutto, è giocabile davvero da tutti? Partiamo dal primo punto fondamentale in un titolo del genere: la personalizzazione. Sin dal primo annuncio e dai primi trailer pubblicati, THQ Nordic ha spinto pesantemente il piede dell’acceleratore sulla possibilità di customizzazione di piloti e veicoli. Partiamo dai secondi che, a dire il vero, offrono il fianco a pro e contro: se di base avrete un numero cospicuo, ma comunque ridotto, di veicoli, dovrete spendere qualche soldino in più per assicurarvi, già al lancio, un cospicuo numero di auto, moto e tracciati in aggiunta a quelli di base: il bundle veicoli OEM 2021 (incluso nella versione Icon Pack da 80 euro) aggiunge 36 veicoli OEM di Polaris, Suzuki, Kawasaki, Yamaha, Polaris, Honda, Husqvarna e KTM, tutti giocabili all'uscita del gioco. E' poi disponibile anche il Track Pass, che aggiunge 22 nuovi tracciati nel corso del 2022. Tredici di questi sono tracciati nazionali approvati dal campionato AMA Pro Motocross per il 2022, mentre sei fanno parte del Supercross World Tour e promettono di essere particolarmente impegnativi. Tutto, in definitiva, molto bello ma per chi ha qualcosa in più da spendere, scelta decisamente discutibile.

img
Ad essere sinceri, però, tutti i veicoli (sia quelli inclusi con la versione base del gioco, sia quelli presenti nei diversi DLC) sono ben realizzati, rispondono in maniera unica (almeno considerando le singole categorie) alle sollecitazioni e devono essere giocati in maniera diversa l’uno dall’altro. Sia i piloti che i veicoli di tutte le più note case di veicoli off – road sono personalizzabili a partire, per i primi, dalle modifiche per caschi e tute e, per i secondi, dai colori delle livree e dai componenti meccanici. L’aspetto grafico dei tracciati e dei veicoli non fa gridare al miracolo ma offre comunque un discreto colpo d’occhio. L’aspetto sul quale andrebbero spese due parole riguarda le interazioni con l’ambiente di gioco in quanto i dettagli non suscitano quell’effetto immersivo che ci si aspetterebbe da un titolo così “en plein air” (perdonate il francesismo). Se in alcuni casi l’impatto con steccati, alberi di piccolo taglio e casupole darà luogo ad evidenti fenomeni distruttivi, in altri casi passeremo semplicemente attraverso gli ostacoli. Allo stesso tempo, gli scontri con gli altri motociclisti non sempre avranno l’effetto di buttarci a terra, il che non sempre è un male se si è in prima posizione ma, diciamo la verità, non è nemmeno molto realistico.

img
Su Xbox Series X, il titolo gira in 4K Ultra HD con i 60 FPS sostanzialmente stabili il che aiuta indubbiamente la definizione sia dei veicoli che degli ambienti di gioco; nella versione per Xbox One che non supporta il 4K, la differenza si nota ma non penalizza eccessivamente l’esperienza generale. Anche per quanto riguarda l’IA della CPU sono rimasto talvolta basito per comportamenti davvero poco lineari come in quell’occasione in cui il corridore che mi precedeva è andato a schiantarsi contro un albero senza alcun motivo. Qualche piccolo neo anche per il terreno, notoriamente variabile per tipologia e relative insidie, sul quale si disputano le gare: in certe situazioni, ad esempio, mi sono trovato immerso in una gara sulla spiaggia e, pur trovandomi abbondantemente oltre il bagnasciuga, non ho avuto difficoltà a correre… sulle acque. I comandi di gioco non differiscono più di tanto da quanto avviene, generalmente, nei titoli motoristici con i grilletti dorsali deputati alla gestione di acceleratore e freno e lo stick destro adibito a sterzo. Gli altri tasti andranno per lo più utilizzati nel caso in cui decidiate un approccio più simulativo come, ad esempio, nel caso in cui decidiate per il cambio manuale. Il gioco è infine completamente localizzato in italiano per quanto riguarda i menu di gioco ed i sottotitoli, mentre il commento audio (tutto sommato ininfluente) risulta essere esclusivamente in lingua inglese.

Amore

Open world sconfinato

- Uno dei modi in cui MX vs ATV Legends si discosta maggiormente dai suoi predecessori è l'aggiunta di grandi ambienti aperti, e il tracciato di Rawlings Farm ne è un buon esempio. Avrete la possibilità di esplorare terreni totalmente diversi anche nella stessa ambientazione ovvero sullo stesso tracciato a patto, come nel caso della Fattoria Rawlings (dove il barbuto Mr Rawlings vi darà i primi consigli), di trovare i sentieri ed i corridoi giusti per iniziare a competere nei diversi eventi. Durante l'esplorazione, infatti, scoprirete anche una serie di strade, punti di riferimento, scorciatoie che possono rappresentare l’asso nella manica per vincere una gara. Allo stesso tempo, però, saranno presenti anche i tradizionali tracciati del Supercross, come quello di Atlanta che, grazie al raffinato sistema di fisica dei mezzi che gestirete, potrete affrontare con più serenità gestendo al meglio anche i singoli solchi del tracciato stesso. Passare, però, dal praticello dietro la casa di campagna alle pendici delle montagne, direi che non ha prezzo e, spesso, vi farà dimenticare di essere nel bel mezzo di una competizione sportiva.

Una completissima modalità Carriera

- Si tratta dell’aspetto maggiormente curato in MX vs ATV Legends. Al di là della personalizzazione del vostro rider per quanto riguarda tratti somatici, veicolo, tuta, casco ed accessori di varia natura, la suddetta modalità, denominata per l’appunto Legends, vede i giocatori impegnati nella loro scalata verso la professione di pilota professionista, dovendo decidere tra diversi contratti di sponsorizzazione e decisioni riguardanti la partecipazione ad eventi speciali su invito. Negli ambienti di gioco, tra l’altro, si possono incontrare anche PNG che possono offrire il loro aiuto e dare indicazioni dettagliate per non commettere errori, anche “diplomatici”. Fate attenzione, però, perché scelte diverse possono portare a percorsi diversi nella vostra carriera. Nell’ambito della modalità Carriera, inoltre, la possibilità di immergersi nella Pro Motocross 50th Anniversary Season è un “must to have” per tutti i piloti virtuali che desiderano un legame con il mondo reale.

Che tempo fa?

- Stiamo parlando di meteo dinamico, caratteristica decisamente ben implementata in tutte le situazioni di gioco. Percorrere i terreni all'aria aperta è più facile a dirsi che a farsi, proprio in virtù di condizioni meteo variabili. La pioggia e la neve appaiono all’improvviso e si tratta di due condizioni in grado di influire sulle vostre possibilità di vittoria determinando una riduzione della visibilità e influenzando la sterzata e la manovrabilità. Il tutto è stato reso in maniera quasi impeccabile e non rappresenta solo un elemento di contorno, bensì un elemento decisivo anche per staccare il vostro avversario di pochi centesimi di secondo.

La modalità Trails

- Se volete creare il vostro percorso, c'è appunto la modalità Trails. L'idea di base è quella di tracciare un percorso basato sulla distanza più breve per raggiungere la destinazione, anziché seguire una strada prestabilita. Questo significa prendere strade diverse - che a volte possono richiedere decisioni in una frazione di secondo - e attraversare burroni, foreste, spiagge e molto altro ancora. Questo non rappresenta solo un ottimo impiego dei grandi ambienti presenti nel gioco, ma incoraggia anche a prendere la strada meno battuta nella speranza di battere la concorrenza. Alcuni percorsi possono portarvi su strette scogliere a picco sul mare, altri su pianure solo apparentemente prive di ostacoli ma la strada è lunga e, quindi, preparatevi a tutto.

Odio

Qualche imperfezione grafica

- Se, come abbiamo già detto, l’impatto grafico generale è più che buono (soprattutto se potete disporre di un TV/monitor in grado di supportare il 4K), alcune imperfezioni ci sono e vanno evidenziate a partire da alcuni terreni di gara realizzati con troppa fretta e senza porre la doverosa attenzione alle caratteristiche del tracciato stesso come accade, ad esempio, sul fango dove la moto dovrebbe avere un atteggiamento più “scivoloso”. A volte, inoltre, alcuni oggetti a bordo pista sono realizzati in maniera approssimativa come piante, alberi ovvero qualche singolo edificio. Inoltre, non è più concepibile vedere i poveri motociclisti “attraversare” alberi ovvero case fantasma…

Perché pagare per avere (tanto) di più?

- Altro elemento decisamente negativo quello dei DLC quasi obbligati. Se, infatti, abbiamo un discreto numero di veicoli a disposizione nella versione base del gioco, non si riesce a comprendere perché un povero acquirente debba già aggiungere 20 euro per un pacchetto con 36 veicoli in più (Icon pack), ovvero altri 20 per dei tracciati aggiuntivi (Legends Pack). Inoltre, ma questa è già una tipologia di scelta diversa (e potrebbe anche starci), ci vogliono 150 euro per una Collector’s Edition in versione fisica (che include una moto da cross Yamaha YZ450F da 8,5 pollici e un pilota, oltre a un portachiavi a forma di moto, cinque stampe artistiche, il pacchetto di personalizzazione per il pre-ordine e il gioco base) peraltro non disponibile per Xbox One e PS4.

Tiriamo le somme

Alla resa dei conti MX vs ATV Legends si presenta come una degna evoluzione dei suoi predecessori, ridefinendo la modalità Carriera ed aggiungendo un mondo open world decisamente ampio e giocabile. Altri punti di forza sono sicuramente rappresentati dall’elevato grado di personalizzazione e dall’immediatezza del modello di guida, tuttavia anch’esso personalizzabile per chi vuole una sfida di maggiore intensità. La nuova modalità Trails e l’ottima implementazione delle condizioni meteo dinamiche aggiungono del sano pepe ad un menu di per sé già corpulento. Stonano, al contrario, alcune imperfezioni tecniche e, soprattutto, il costo dei DLC, acquisto “semi-obbligato” per chi vuole godersi un prodotto completo al 100%.
7.5

c Commenti

copertina

L'autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!