MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Jurassic World Evolution
copertina

Recensione - Jurassic World Evolution

Il mondo dei dinosauri ha da sempre stregato i fan di tutte le età, ed il franchise di Jurassic Park è riuscito a sublimare perfettamente questa passione; molti di questi fan sono ovviamente anche videogiocatori, ed è a questi che Frontier Developments si rivolge col simulativo Jurassic World Evolution, che ci vede gestire la nostra isola dei dinosauri personale. Analizziamolo insieme.

Il Gioco

Sviluppato da Frontier Developments, il team dietro ad Elite Dangerous, Rollercoaster Tycoon e Thrillville, Jurassic World Evolution si propone come un gestionale nudo e crudo, un erede spirituale di quel Jurassic Park: Operation Genesis che ha appassionato molti nei primi anni del 2000; il gioco ci pone sulle isole “Las Cinco Muertes”, che chi ha letto Il Mondo Perduto di Crichton ha imparato a conoscere molto bene: Isla Matanceros, Isla Muerta, Isla Tacano, Isla Pena e Isla Sorna, aggiungendo inoltre la famosissima Isla Nublar, dove sono ambientate le pellicole principali della serie.

img

Ogni isola ha le sua peculiarità che rendono il gioco un’esperienza diversa dalle altre: Isla Matanceros, ad esempio, funge da tutorial per il gioco. Le cose qui filano abbastanza lisce con poche tempeste, una situazione finanziaria più che accettabile e pochi dinosauri con cui interagire. Su Isla Muerta abbiamo spesso a che fare con forti tempeste che compromettono la stabilità delle recinzioni e delle varie facilities; su Isla Sorna, che ha già fatto la sua comparsa ne “Il Mondo Perduto”, troviamo dinosauri liberi allo stato brado e strutture fatiscenti. Il nostro compito è quello di creare anche qui un parco all’avanguardia, partendo da quello che abbiamo. Su Isla Tacano, invece, è più difficile la gestione finanziaria, mentre su Isla Pena il gioco è ambientato completamente in notturna. Isla Nublar, che non fa parte dell'arcipelago delle "Cinque Morti" ponendosi a metà strada tra queste e la Costa Rica, è invece una sorta di modalità sandbox con la quale costruire il nostro parco di divertimenti senza pensieri di budget o altro; dopotutto “qui non si bada a spese!”. Le isole non sono tutte disponibili sin da subito: la prima è Isla Matanceros, che appunto serve ad impratichirsi senza pensieri con le meccaniche del gioco, mentre le altre vengono sbloccate raggiungendo un determinato numero di stelle nella gestione delle isole precedenti.

MP Video - Jurassic World Evolution

La progressione in Jurassic World Evolution ricalca quella di un po' tutti i gestionali: non partiamo sin da subito con tutti i dinosauri sbloccati e pronti all’uso ma dobbiamo costruire un centro di ricerche, inviare in giro per il mondo il nostro team di archeologi alla ricerca dei fossili dai quali estrarre il DNA e così via. Peraltro è molto carino il fatto che gli sviluppatori non abbiano posizionato casualmente i luoghi in cui trovare i fossili, ma abbiano utilizzato le vere zone in cui quei determinati sauropodi vivevano e proliferavano maggiormente. Una volta raggiunta la minima quantità di genoma atta a creare il dinosauro, possiamo usare l’“Hammond Creation Lab” per farlo vivere per modificarne il genoma inserendo tratti di altre specie. Questi altri DNA con cui ibridare le specie reali vengono ricercati attraverso la “Research Facility”, dandoci la possibilità in questo modo di inventare nuovi tipi di dinosauri che non sono mai esistiti nella realtà. Le vere specie che possono essere ricercate sono circa una quarantina, anche se gli sviluppatori hanno promesso un supporto costante e un ampliamento del pacchetto di dinosauri: ad esempio nel momento in cui scrivo è appena uscito un nuovo pack che inserisce in Jurassic World Evolution i dinosauri di Jurassic World: Il Regno Distrutto, fra cui l’Indoraptor.

Nel gioco poi sono presenti un sacco di altre strutture che avrete imparato a conoscere in qualsiasi altro gestionale, e che servono a incrementare i profitti, a gestire i visitatori, a garantire la sicurezza di questi ultimi e, più in generale del parco stesso. Attraverso la “Ranger Station”, ad esempio, possiamo assumere un team di cacciatori il cui scopo è quello di curare i dinosauri malati, oppure di spostare le carcasse dei dinosauri morti. Caratteristica peculiare poi di questa struttura è data dalla possibilità di guidare in prima persona l’elicottero o la Jeep in dotazione dei cacciatori. In conseguenza di ciò è stato inserito un photo mode attraverso il quale possiamo scattare delle foto degli animali nel loro habitat naturale.

Un grosso problema da affrontare in Jurassic World Evolution è dato dalla gestione degli animali: carnivori ed erbivori, come ben sappiamo, non sono mai andati d’accordo. E qui la questione è anche peggio, perché i carnivori cercano sempre lo scontro, finendo spesso per uccidere il proprio avversario, oppure per esserne uccisi. Questo porta prima o poi a una specie di compartimentalizzazione del parco, con recinti mono-specie e habitat estremamente circoscritti. Attenzione anche alla gestione della sicurezza: questa è fondamentale affinché le cose vadano lisce. Un dinosauro che riesce a sfondare i recinti può uccidere i visitatori e creare tutta una serie di altri guai, causando ingenti perdite a causa dei rimborsi per danni.

Frontier Developments ha voluto inserire nel gioco tre grandi sezioni che rappresentano e si comportano come fossero fazioni distinte: la sezione Scientifica, quella di Intrattenimento e quella di Sicurezza. Ingraziarsi il favore di una piuttosto che di un’altra può da un lato donare parecchi bonus, ma anche causare diversi problemi: le sezioni meno sviluppate cominciano infatti, dopo una certa percentuale, a organizzare operazioni di sabotaggio contro di noi. Ogni fazione ci assegna un determinato numero di missioni che ci aiutano a progredire nel rapporto con esse e ci danno anche la possibilità di aumentare il nostro gruzzoletto e il rating dell’isola. Sono poi presenti anche tutte le classiche strutture per i visitatori: hotel, chioschetti di bibite, ospedali, bar, ristoranti e chi più ne ha più ne metta.

img

Un plauso infine a Frontier Developments per come ha saputo organizzare i comandi con il pad: la gestione e il passaggio fra le varie parti dei menu è rapida e ci permette di tenere tutto sotto controllo senza problemi. Anche tecnicamente Jurassic World Evolution rappresenta una piccola perla: il gioco lascia graficamente a bocca aperta. I dialoghi sono poi affidati alle voci del cast originale del film, fra cui troviamo Jeff Goldblum (Ian Malcolm) e Chris Pratt (Owen Grady), anche se purtroppo mancano i sottotitoli italiani così come la localizzazione nella nostra lingua di qualsiasi altro elemento del gioco. La colonna sonora è invece quella che ormai siamo abituati a sentire al cinema.

Amore

Dio crea i dinosauri….

- Se avete riconosciuto la citazione, capirete benissimo a cosa mi riferisco. Jurassic World Evolution incarna alla perfezione il mondo di Jurassic Park e di tutta la sua serie. Le voci dei protagonisti arricchiscono tutto un comparto che dovrebbe essere “secondario” rispetto allo scopo finale del gioco, ma che in realtà sono lo zoccolo portante che spinge a proseguire nell'esperienza. Graficamente invece assistiamo allo stato dell’arte vero e proprio. I dinosauri prendono letteralmente vita e sembrano essere proprio quelli visti sul grande schermo.

Un ottimo gestionale

- Se guardiamo al lato gestionale, Jurassic World Evolution vince a mani basse anche rispetto alla concorrenza. Il livello di sfida rimane abbastanza equilibrato durante lo svolgimento di tutto il gioco, pur non aumentando particolarmente. Le sei isole garantiscono una difficoltà abbastanza diversificata l’una dall’altra, con Isla Nublar che ci permette di sfogare tutti i nostri istinti creativi, non avendo limiti di budget.

Controlli comodissimi

- Non mi convincerò mai che un gestionale possa essere giocabile perfettamente anche su console, ma ogni volta mi stupisco di come, coi comandi giusti, possa diventare un’esperienza di livello pari al PC (e lo dico con cognizione di causa, visto che Jurassic World Evolution l'ho giocato anche su PC con mouse e tastiera). I controlli sono comodissimi, posizionati bene e rendono semplicissime tutte le interazioni che dobbiamo avere nel corso del gioco. Comandare la visuale, ruotare gli edifici e switchare fra i vari tipi di struttura o fra i vari menu che ci permettono di controllare tutti gli aspetti del nostro parco è veramente alla portata di tutti, anche di chi è poco avvezzo ai gestionali.

Odio

Italiano non pervenuto

- Premesso che, soprattutto in questo caso, la lingua non è qualcosa di fondamentale per il gioco, si poteva decisamente fare di più. Pur lasciando il doppiaggio originale, poteva essere tradotto almeno a livello di menu e dialoghi scritti. Mi rivolgo soprattutto ai più piccoli, che potrebbero essere potenziali fruitori di Jurassic World Evolution anche più degli adulti, e che possono trovare qualche difficoltà di troppo nel giocare anche se si tratta di un inglese in generale molto semplice e comprensibile. A questo poi aggiungiamo la debacle avuta dal gioco al lancio, che partiva in tedesco se la console era settata in italiano, problema ora fortunatamente risolto.

Alla lunga può annoiare

- Dopo un po’ di tempo passato sulle varie isole de Los Cinco Muertes, un po’ di noia e ripetitività si fanno sentire. Il livello di difficoltà in sé non cambia passando da un’ambientazione all’altra, non c’è un’isola oggettivamente più “difficile” da gestire di un’altra, piuttosto ciò che varia è il numero di malattie, attacchi o interferenze esterne che dobbiamo affrontare, e il tempo (sempre minore) che abbiamo per affrontarle prima che il parco cada in malora. Purtroppo alla fine, dopo aver sbloccato tutte le specie ed aver creato un parco che possa compiacere le nostre megalomanie, resta poco da fare.

Tiriamo le somme

Jurassic World Evolution è un must have per qualsiasi amante dei gestionali e dei dinosauri cinematografici. Si comporta egregiamente, con una scelta di comandi perfetta, intuitiva e semplice da utilizzare. Il comparto tecnico audio e video è strepitoso, con una grafica estremamente curata e realistica. L'audio arriva poi direttamente dai film, con le voci fra gli altri di Chris Pine e Jeff Goldblum. Alla lunghissima può diventare leggermente ripetitivo, ma vale sicuramente il prezzo del biglietto a meno che non abbiate problemi con la lingua inglese.
8.5

c Commenti

copertina

L'autore

Quando gli hanno chiesto di comporre una Bio, ha pensato subito alla natura e all’ambiente. Una volta rinsavito, ci ha raccontato di essere un appassionato di Basket e Calcio, videogiocatore accanito, predilige RPG, FPS e TPS. In generale però non si tira indietro di fronte a nulla. A tempo perso è anche speaker in una Web Radio.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus