MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Marvel's Spider-Man
copertina

Recensione - Marvel's Spider-Man

L'Uomo Ragno torna finalmente sulle nostre console e lo fa stavolta con Marvel's Spider-Man, un produzione curata da Sony stessa ed affidata alle capaci mani di Insomniac Games, noti al pubblico PlayStation per le serie di Ratchet & Clank e Resistance. Scopriamo com'è andata!

Il Gioco

Sono passati quattro anni dall'ultima volta che abbiamo potuto giocare ad un titolo dedicato all'amichevole Uomo Ragno di quartiere (comparsate in altri titoli escluse): da allora la licenza per la produzione di titoli ragneschi è passata da Activision a Sony, la quale ha deciso di sfruttarla al meglio con una produzione ad alto budget affidata ad un team esperto come Insomniac Games, il quale con Ratchet & Clank e Sunset Overdrive ha dimostrato di avere tutte le qualità per la realizzazione di un action game basato su spostamenti acrobatici. Questo ci porta quindi alla recente uscita di Marvel's Spider-Man, esclusiva PS4 che taglia tutti i ponti con il passato videoludico di Peter Parker costruendogli attorno un universo nuovo di zecca isolato da quelli fumettistici e cinematografici amalgamandoli, anche attinge a questi prendendo numerosi spunti.

img
E, nonostante ci troviamo in un nuovo universo narrativo, i ragazzi di Insomniac resistono anche alla tentazione di raccontarci per l'ennesima volta le origini del super-ragno; la storia di Marvel's Spider-Man ha infatti luogo quando lui è già un supereroe affermato, ormai ben conosciuto dagli abitanti di New York e ben tollerato anche dalla polizia stessa, il cui capitano, l'asiatica Yuri Watanabe, si affida anzi privatamente a lui per indagare o intervenire sui casi più critici. La storia del gioco inizia dopo otto anni di attività di Spider-Man, durante i quali ha ormai combattuto ogni tipo di criminale, mettendone in prigione gran parte (compresi i nemici storici Rhino, Avvoltoio ed Electro). Solo uno continua a sfuggirgli: il re del crimine Wilson Fisk alias Kingpin, ma finalmente la polizia trova un appiglio per arrestarlo e Spidey accorre in loro aiuto per non farlo fuggire ed assicurarlo alla giustizia. La battaglia nel palazzo alla Fisk Tower, contro gli sgherri di Kingpin ed alla fine contro lui stesso è proprio la sequenza con cui veniamo accolti nel nuovo gioco, utile ovviamente anche per apprendere i concetti alla base dei combattimenti del titolo.

Dopo questa avventura, per Peter è finalmente il momento di tirare il fiato e dedicarsi alla sua vita. Scopriamo così che l'amata Zia May in questo universo non è l'amorevole casalinga dei classici Spider-Man né la giovane ed avvenente Marisa Tomei dell'universo cinematografico: qui è un'attempata volontaria per un'organizzazione dedita all'assistenza dei senzatetto, ma comunque sempre molto occupata per il nipotino. Scopriamo inoltre che Mary Jane è un'intraprendente giornalista per il Daily Bugle e che, nonostante in passato sia stata fidanzata con Petey, ora sono "solo amici"; quest'ultimo, inoltre, non fa il fotografo freelance per il Bugle ma è uno scienziato, al lavoro con il dottor Otto Octavius (uh-oh…) su un avveniristica tecnologia che promette di fornire le vittime di menomazioni di nuovi arti realistici connessi direttamente al cervello.

MP Video - Marvel's Spider-Man

Insomma, una vita tutto sommato pacifica e soddisfacente per il nostro Peter, ma la quiete è destinata a finire presto: l'incarcerazione di Kingpin ha infatti spinto un nuovo gruppo di criminali che indossano delle maschere di demoni giapponesi ad attaccare molte delle proprietà e delle operazioni di Fisk, costringendo il ragno ad intervenire. Le loro mire sembrano però essere molto più ambiziose e pericolose, fino ad arrivare a sferrare un violento attentato durante un comizio del sindaco di New York, Norman Osborn (uh-oh!), nel quale il sindaco si salva ma a spese di un eroico poliziotto di colore, il padre di un ragazzo di nome Miles Morales con il quale Peter entrerà poi in confidenza. Si scopre infine che il capo dei Demoni ed autore dell'attentato è un nuovo pericoloso super-villain, Mister Negative, il quale sembra avere un piano molto violento per l'intera città di New York. Inutile dire che Spider-Man sarà l'unico in grado di impedirgli di mettere a ferro e fuoco la città, ma si tratterà di un percorso molto lungo non privo di drammi e sorprese.

Queste sono le basi dalle quali si dipana la storia di Marvel's Spider-Man, supportata da un gameplay open world che punta tutto su esplorazione, narrazione ed, ovviamente, tanti combattimenti. Il gioco è ambientato tutto sull'isola di Manhattan, esplorabile senza limitazioni sin dall'inizio utilizzando un efficace e soddisfacente "sistema di dondolamento" che ci permette di muoverci velocemente tra i palazzi, correre sulle pareti degli stessi ed anche camminare tra le strade della città. E' presente anche un sistema di viaggio rapido per raggiungere velocemente delle location chiave, cosa che ci permette di ammirare alcune simpatiche sequenze con Spidey che prende la metropolitana per spostarsi.

img
In maniera simile a quanto accade nei titoli Ubisoft, l'area è divisa in numerose sezioni che rappresentano i vari quartieri della città, inizialmente tutte "oscurate" sulla mappa del gioco. Per sbloccarle e rivelare le numerose attività in ogni quartiere basta raggiungere delle torri radio e risintonizzarle tramite un veloce mini-gioco: questo ci apre ad un gran numero di opportunità, dalla ricerca di collezionabili (come gli zaini di Peter, nascosti in tutta la città e contenenti elementi chiave della storia del personaggio) a sfide affidategli da determinati personaggi (come il disinnesco di bombe a tempo sparse tra i palazzi) fino all'assalto di basi nemiche (nel corso della storia emergeranno diverse fazioni le cui basi operative potremo attaccare) e segnalazioni della Polizia di crimini in atto, che potremo decidere di sventare combattendo contro gli autori dei crimini. Ci sono inoltre una serie di sfide logiche che possiamo completare nel laboratorio del dottor Octavius. Tutte queste attività accessorie ci permettono di guadagnare "gettoni" di vario tipo, spendibili poi nell'acquisto di potenziamenti e accessori per Spidey.

E questo ci porta al sistema d'evoluzione del personaggio: man mano che giochiamo, combattendo e completando missioni, guadagniamo punti esperienza che ci permettono poi di salire di livello, guadagnando così punti abilità da spendere in tre alberi dedicati rispettivamente al combattimento, alla difesa ed alle abilità da lanciaragnatele. Questo ci permette così di accedere sempre a più mosse da usare un tutti i contesti, ma non è tutto: Spider-Man può sbloccare ed utilizzare numerosi costumi diversi, tutti ispirati alle varie fasi passato fumettistico del protagonista, che oltre a dargli un diverso aspetto lo dotano anche di un potere speciale diverso, equipaggiabile poi in combinazione anche con gli altri costumi. Inoltre è possibile anche sbloccare e potenziare una serie di gadget per il lanciaragnatele, utilizzabili poi in combattimento: c'è quello che lancia dei potenti proiettili di ragnatela, quello che lancia tele elettrificate, quello per dei droni-ragno e così via. Tutti questi sbloccabili e potenziamenti sono ottenibili spendendo, appunto, i gettoni ottenuti tramite le attività sparse per la città.

img
Ovviamente i combattimenti sono l'occasione giusta per mettere alla prova tutte queste abilità e gadget; il sistema di combattimento di Marvel's Spider-Man si ispira fortemente ai Batman di Rocksteady, modificandone però la formula in chiave ragnesca. E' presente quindi un sistema si schivate che ci permette di evitare gli attacchi avversari, ma ai normali attacchi con calci e pugni si aggiungono salti acrobatici, utilizzo della ragnatela e dei gadget e colpi aerei che rendono i combattimenti dei veri balletti, dove concatenare più colpi ci permette di far salire la "concentrazione" che possiamo poi usare per curarci oppure per sferrare degli spettacolari "colpi di grazia" contro i nostri nemici. Tra le molte mosse sbloccabili troviamo la possibilità di far roteare e scagliare i nemici con la tela, immobilizzarli alle pareti degli edifici o anche sferrare dei potenti calci "dondolanti". Ma Spider-Man non usa solo la forza bruta e diretta: molte delle situazioni di combattimento sono affrontabili inizialmente in maniera stealth, catturando con la tela i nemici purché non siano osservati da loro compagni (a tal fine è possibile creare diversivi per distrarli), così da far fuori il grosso dei nemici prima di un attacco. Questo è soprattutto utile nel caso di cecchini e nemici dotati di lanciarazzi, che possono complicare molto i combattimenti.

img
Se queste sono le principali possibilità presenti nel mondo aperto di Marvel's Spider-Man, l'intelaiatura principale sulla quale queste si sorreggono sono le missioni principali e quelle secondarie. Le prime sono ovviamente obbligatorie per il comportamento della storia e sono collegate da splendide cut-scene nelle quali ci viene narrata la storia; ognuna di queste ci offre obiettivi diversi, dipanandosi tra fasi esplorative, combattimenti ed anche sezioni d'investigazione in cui dovremo utilizzare una particolare modalità visiva per scovare tracce e dispositivi da azionare. Inoltre, per variare il gameplay, di tanto in tanto capiterà anche di svolgere delle missioni nei panni di Mary Jane o Miles Morales, i quali non essendo dotati di poteri dovranno ovviamente muoversi con molta circospezione senza farsi vedere dai nemici. Le missioni secondarie, invece, ci vedono aiutare diverse persone con problemi di vari tipi e non risultano particolarmente interessanti rispetto a quelle principali. Il tutto vi terrà impegnati per circa 15 ore se vi intratterrete con qualche missione secondaria ed attività cittadine, arrivando a circa 30 ore se volete fare tutto, ma proprio tutto quello che vi offre la mappa di gioco. E non preoccupatevi di completare le varie attività prima della fine del gioco: anche dopo i titoli di coda l'intera mappa con tutte le attività rimarrà ancora attiva ed esplorabile, quindi potrete dedicarvici anche successivamente.

Amore

Un nuovo universo

- Ottima la decisione di Insomniac di basare Marvel's Spider-Man su un universo narrativo completamente inedito e separato da quelli "ufficiali": questo ha permesso agli sviluppatori di fare alcune scelte narrative molto interessanti, ponendo le basi per un eventuale seguito che, alla fine del gioco, non vedrete l'ora di giocare. Ed in generale la storia e i personaggi del gioco appaiono allo stesso tempo familiari ma anche nuovi nei ruoli che occupano, rendendo il titolo molto interessante per i fan del personaggio.

Dondolando per Manhattan

- Il sistema di spostamento con le ragnatele ideato da Insomniac è senza dubbio il migliore mai visto in un titolo dedicato all'arrampicamuri, unendo una convincente simulazione fisica ad un'alta spettacolarità delle acrobazie. Ovunque ci spostiamo le ragnatele vengono sempre agganciate a dei palazzi, e bisogna sfruttare adeguatamente l'inerzia di Spidey per ottenere slanci sempre più forti ed aumentare la velocità; quando fatto correttamente, questo dà vita a bellissime acrobazie aeree che, quando avvengono tra i grattacieli bagnati dalla luce del tramonto, saranno capaci di lasciarvi letteralmente a bocca aperta.

Impatto grafico

- Splendida la realizzazione grafica del titolo, con un'altissima cura per i dettagli ed una resa estremamente realistica di tutte le scene, dalle panoramiche della città ai primi piani dei personaggi. Quest'ultimi, inoltre, presentano un'eccellente animazione facciale in grado di fargli esprimere al meglio le emozioni richieste da ogni scena, anche le più drammatiche. A volte sembra di guardare un vero e proprio film di Spider-Man.

Marvel's New York

- Molto ben fatta la riproduzione della Manhattan del gioco, e non solo per via delle tante location caratteristiche della città; esplorando i vari quartieri vi capiterà anche di incappare in luoghi storici dell'universo Marvel come la Avengers Tower, il Sanctum Santorum di Doctor Strange, l'ufficio di Nelson & Murdock e la sede della Alias Investigations. Una vera manna per gli appassionati Marvel!

Combattimento acrobatico

- Il sistema di combattimento di Marvel's Spider-Man risulta essere estremamente efficace seppur non originalissimo nelle meccaniche; la combinazione di abilità e gadget vi permetterà di dar vita a delle vere coreografie durante le quali farete fuori i nemici uno dopo l'altro, il tutto richiedendo anche una buona dose d'abilità per riuscire a sfruttare al meglio tutte le combo e possibilità. Divertente e soddisfacente!

Spider Predator

- Molto bella anche la modalità stealth, che come i combattimenti si rifà fortemente al Batman di Rocksteady, stavolta per quanto riguarda la modalità Predator che ci permetteva di far fuori i nemici in silenzio. Anche qui possiamo eliminare silenziosamente tutti i nemici appostandoci su lampioni, tralicci e altre strutture che sovrastano l'area di gioco, prima di entrare poi in azione con un combattimento più diretto.

Doppiaggio

- Come da tradizione Sony, il doppiaggio italiano di Marvel's Spider-Man è eccellente: tutti i personaggi sono caratterizzati al meglio e Spidey esprime ottimamente la sua forte ironia, come nel caso delle divertenti comunicazioni radio con il commissario Watanabe.

Odio

Boss battles

- A differenza degli altri combattimenti, ho trovato poco soddisfacenti le boss battles, che sicuramente non peccano in spettacolarità ma si basano quasi sempre sulla ripetizione allo stremo degli stessi pattern. Questo vale anche per la battaglia finale, che ho trovato piuttosto noiosa e stancante a causa della ripetitività delle azioni da compiere. Si poteva fare di meglio.

Missioni secondarie

- Ho trovato le missioni secondarie del gioco, circa una ventina, piuttosto deludenti. Tranne che per un paio di eccezioni, si tratta in gran parte di compiti piuttosto noiosi da svolgere che non aggiungono molto alla storia del protagonista o degli altri comprimari. Avrei preferito delle missioni più significative, che avessero arricchito la lore del gioco dandoci maggior soddisfazione nel completarle.

Arkham's Spidey

- Anche se non è qualcosa che "rovina" propriamente il gioco, non si può fare a meno di notare che, ad eccezione dell'eccellente sistema di dondolamento, gli altri sistemi del gioco sono presi in prestito dai Batman di Rocksteady: i combattimenti, le sezioni stealth in stile Predator, persino le sezioni investigative con la visione potenziata. Gli sviluppatori hanno fatto benissimo ad ispirarsi ai migliori giochi supereroistici mai realizzati, ma da una produzione di questo tipo mi sarei aspettato una maggior originalità.

Tiriamo le somme

Marvel's Spider-Man è senza ombra di dubbio il miglior videogioco di Spider-Man realizzato finora: i ragazzi di Insomniac hanno il merito di aver creato un universo narrativo originale ed interessante nel quale far muovere l'arrampicamuri, condendo il tutto con un ottimo sistema di combattimento ed un'eccellente meccanica di spostamento tra i palazzi. Alcune aree meno curate come le boss battle, le missioni secondarie ed un'eccessiva derivatività nelle meccaniche di base gli impediscono di raggiungere una valutazione più alta, ma siamo comunque di fronte ad un titolo che nessun fan Marvel deve farsi sfuggire.
8.8

c Commenti

copertina

L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, inizia nel 2002 un'avventura da insider nel mondo dei videogiochi partendo con la concorrenza ma maturando sempre più interesse per il mondo Playstation. Nel 2013 decide finalmente di aprire MondoPlay, con l'obiettivo di farlo diventare il sito di riferimento per tutti gli amanti italiani della console Sony.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus