MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
FIFA 18
copertina

Recensione - FIFA 18

di P 29 set 2017
L’inizio della stagione calcistica 2017/2018 coincide anche quest’anno con l’arrivo sugli scaffali, virtuali e fisici, delle versioni aggiornate dei titoli dedicati a questo affascinante sport. Anche stavolta l’ultima a presentarsi in campo è EA, che con questa edizione di FIFA mira ad imporsi nuovamente come punto di riferimento per tutti gli appassionati. Ci saranno riusciti? Scopriamolo insieme.

Il Gioco

Se amate il calcio, il mese di Settembre per voi probabilmente rappresenta ogni anno una sorta di nuovo inizio. Le indiscrezioni di mercato, sbocciate e maturate durante la pausa estiva, prendono finalmente forma, i campionati nazionali, con tutte le loro rivalità storiche, entrano inevitabilmente nel vivo e le competizioni più famose iniziano a regalare grandi emozioni, sia positive che negative. Se poi, proprio come il sottoscritto, vi piacciono i giochi dedicati a questa disciplina, l’inizio dell’autunno riserva anche degli interessanti doni, ovvero le nuove edizioni dei titoli calcistici per antonomasia, che mirano a riprodurre nel modo migliore tutto il fascino di quello che è, a tutti gli effetti, uno degli sport più seguiti al mondo. FIFA 18 rappresenta, come di consueto, l’idea calcistica di EA, una filosofia nata e cresciuta nel corso degli ultimi anni e che, grazie agli ottimi risultati di critica e pubblico ottenuti, sembra non aver alcun bisogno di essere re-inventata da zero ad ogni stagione. Forti del costante riscontro ottenuto gli sviluppatori, da alcuni anni a questa parte, si limitano infatti a perfezionare costantemente il loro gioco sulla base dell’esperienza maturata e dei feedback ricevuti. Non c’è dunque da stupirsi se il nuovo FIFA, ad un primo sguardo, assomiglia molto al suo predecessore, sia da un punto di vista della giocabilità sia per quanto riguarda le modalità di gioco e i contenuti.

Partiamo proprio da questi ultimi. Il database di FIFA 18 include più di 35 campionati differenti, 50 nazionali maschili e 15 nazionali femminili, a cui si aggiungono alcune formazioni extra per un totale di oltre 700 squadre, molte delle quali basate su licenza ufficiale, che potranno scendere in campo in una delle 79 arene presenti, che includono sia stadi reali che di fantasia. Le modalità di gioco in locale includono tutte le tipologie di sfida storiche della serie come le sfide veloci, i tornei personalizzati, la Carriera, l’ormai famosa modalità FIFA Ultimate Team, che permette ai giocatori di costruire il proprio dream team attraverso la raccolta di figurine virtuali e potenziamenti, e la seconda stagione della modalità il Viaggio, introdotta lo scorso anno. Proprio analizzando nel dettaglio queste ultime modalità è possibile individuare alcune delle numerose piccole novità introdotte da EA in questa nuova edizione. La modalità Carriera, che consente nuovamente di intraprendere il proprio percorso di crescita come singolo giocatore di club o come allenatore lungo un arco temporale strutturato su più anni, vede per esempio l’introduzione di un nuovo sistema dedicato alle operazioni di mercato, rese ancora più realistiche ed entusiasmanti grazie alla presenza di scene interattive durante le quali è materialmente possibile trattare con dirigenti e manager stipendi, clausole rescissorie e bonus.

La modalità single player di FUT si arricchisce invece di una nuova modalità e del canale Champion Channel, che vanno ad aggiungersi alle classiche Stagioni, alla modalità Draft, nella quale il giocatore deve costruire la propria squadra scegliendo per ogni ruolo un giocatore da una selezione di 5 carte, e alle Sfide Creazione Rosa, giocabili anche tramite companion app e nelle quali vengono proposti al giocatore obiettivi specifici legati alle caratteristiche della propria formazione. La modalità inedita, denominata “Squad Battles”, propone al giocatore una selezione di sfide contro squadre FUT create da altri giocatori, controllate però dalla I.A., mentre tramite il Champion Channel è possibile assistere come spettatori alle sfide più entusiasmanti giocate in rete negli ultimi giorni. Coloro che amano includere delle vecchie glorie nelle loro rose saranno inoltre felici di sapere che anche le “Leggende” hanno subito un piccolo restyling in FIFA 18, tanto da meritarsi un cambio di nome diventando “Icone”. Il catalogo delle carte speciali dedicate a campioni storici del calibro di Ronaldo, Henry, Pelè e Maradona ora include 3 differenti versioni di ogni giocatore, basate su 3 differenti momenti della sua carriera, ognuna delle quali porta con sé un set di statistiche diverse ed un modello disegnato ad hoc per rispecchiare l’aspetto fisico del calciatore in quel periodo.

MP Video - FIFA 18

La seconda stagione della modalità “Il Viaggio”, intitolata in modo apparentemente poco fantasioso “Il Ritorno di Alex Hunter”, mette nuovamente i giocatori nei panni dell’astro nascente della Premier League riprendendo la narrazione da dove si era interrotta lo scorso anno. Dopo aver stupito tutti durante la sua prima stagione nella massima divisione inglese il giovane talento deve necessariamente affrontare la cruda realtà del mondo del calcio, le insidie del mercato e le aspettative dei suoi fan, ma non solo. Alex deve anche fare i conti con le sue ambizioni e con il passato della propria famiglia, due aspetti fondamentali della vita di un atleta. Tutte queste componenti avranno conseguenze sulla carriera del giovane calciatore portandolo a giocare addirittura oltreoceano. Mi fermo qui per non rivelare ulteriori dettagli sulla sceneggiatura scritta da EA, strutturata in 6 differenti capitoli per un totale di circa 10/12h di gioco, e che, analogamente a quanto visto lo scorso anno, viene rivelata al giocatore tramite intermezzi filmati realizzati utilizzando come modelli attori ed atleti reali del calibro di Cristiano Ronaldo e Rio Ferdinand, che si alternano a sessioni di allenamento e partite ufficiali. Oltre a dare dimostrazione in campo delle proprie capacità, migliorando le proprie statistiche e guadagnando punti abilità utilizzabili per sbloccare nuovi talenti, Alex dovrà dialogare spesso con parenti, giornalisti, compagni di squadra e membri dello staff tecnico. In base alla sue risposte l’allenatore ed i tifosi cambieranno opinione su di lui e questo influirà direttamente sulle possibilità di essere schierato in campo e sul numero di follower. A differenziare maggiormente questa seconda stagione ci pensano alcuni momenti chiave della vicenda durante i quali il giocatore dovrà effettuare scelte definitive, che avranno conseguenze dirette sullo sviluppo della storia, e la presenza di un semplice editor, con cui è possibile personalizzare l’aspetto estetico di Alex ed il suo abbigliamento, in campo e non.

A completare l’offerta dedicata al gioco in locale ci pensano le sfide abilità e la modalità di allenamento, perfette per mettere alla prova e perfezionare le proprie capacità in ogni settore del campo, mentre la pagina dedicata alle competizioni online, oltre a proporre le immancabili amichevoli, permette di accedere alle Stagioni, come di consueto suddivise in divisioni di difficoltà crescente giocabili sia da soli che in coop, alla modalità Pro Club, nella quale è possibile creare il proprio calciatore virtuale e fargli ricoprire un ruolo specifico all’interno di un team composto interamente da giocatori umani, e ovviamente alla versione online di FUT. La modalità Stagioni è rimasta praticamente immutata mentre coloro che amano creare e far crescere il proprio alter-ego nelle competizioni Pro Cub potranno apprezzare l’introduzione di nuove opzioni di personalizzazione e la possibilità di apportare modifiche alla disposizione del team direttamente dalla sala d’attesa pre-partita. Rispetto alla versione in locale, la modalità online di FUT propone tre modalità, ovvero le Stagioni, le sfide Draft e le competizioni FUT Champions, dei classici tornei giornalieri che, in caso di vittoria, consentono di accedere alle Weekend League. A queste modalità si aggiunge infine la possibilità di affrontare partite singole o organizzare rapidamente delle amichevoli per sfidare le rose create dai propri amici senza troppi pensieri.

Completata la doverosa carrellata di informazioni riguardanti le numerose modalità presenti possiamo finalmente passare ad analizzare le novità introdotte nel gameplay di FIFA 18, quasi tutte riconducibili al New Animation System. Sotto questo altisonante nome gli sviluppatori hanno infatti riunito tutte le modifiche apportate alla gestione delle animazioni, che ora vengono gestite frame-per-frame e non più a gruppi, così da aumentare la precisione e la reattività del sistema di controllo, oltre a garantire una maggiore fedeltà visiva in ogni situazione. L’utilizzo della tecnologia Real Player ha inoltre permesso agli sviluppatori di catturare con maggiore precisione le movenze dei giocatori durante le sessioni di motion capture così da ampliare ulteriormente il numero delle animazioni presenti nel titolo e contestualizzarle con maggiore fedeltà per riprodurre al meglio i movimenti del corpo durante uno scatto esplosivo, nei cambi di direzione improvvisi e così via. Anche il sistema di controllo standard della serie ha subito alcune modifiche, destinate principalmente ai cross e alla gestione dei calci piazzati. Per i primi è stato implementato un sistema quasi del tutto inedito, che permette di scegliere con maggiore precisione che tipo di cross eseguire sfruttando uno dei pulsanti dorsali in aggiunta al classico tasto frontale del pad, e sono state apportate modifiche alle traiettorie dei traversoni dalla tre quarti campo, per renderle più curve e realistiche rispetto al passato. In occasione dei calci di punizione ravvicinati ora è possibile muovere il giocatore utilizzando lo stick analogico destro prima di calciare in modo simile a quanto accade per i calci di rigore. Questi ultimi invece, dopo la sfortunata parentesi dello scorso anno basata sull’utilizzo della levetta sinistra, tornano a sfruttare lo stesso sistema di controllo di tutti gli altri calci piazzati, per buona pace di tutti coloro che non hanno mai digerito la modalità alternativa proposta da EA nell’edizione 2017. FIFA 18 beneficia anche dell’introduzione di un sistema di sostituzioni veloci, che permette di selezionare fino a 3 cambi prima dell’inizio della partita e metterli in pratica durante le interruzioni semplicemente tenendo premuto il grilletto sinistro del pad, senza dover accedere alla schermata di gestione della squadra.

Anche l’I.A. di compagni ed avversari ha subito un leggero restyling, risultando più credibile. In fase difensiva i giocatori appaiono più reattivi rispetto al passato, raddoppiano con continuità e cercano di interrompere le linee di passaggio con maggiore convinzione mentre in quella offensiva si dimostrano generalmente più propositivi, sia in fase di finalizzazione sia in fase di costruzione della manovra, offrendo maggiori alternative al portatore di palla. Le tattiche pre-definite ora hanno un effetto ancora più evidente durante la partita, tanto che i più preparati non faticheranno a riconoscere gli stili di gioco messi in campo dai club più blasonati, e nel complesso si nota un generale miglioramento nella gestione dei match da parte della CPU, capace come sempre di mettere alla prova il giocatore in modo leggermente meno esasperante rispetto al passato, soprattutto ai livelli di difficoltà più elevati. Ovviamente questo non significa che la CPU sia diventata infallibile o che non vedremo i nostri compagni o gli avversari commettere degli errori, dato che sarebbe praticamente impossibile, ma solo che il numero di situazioni poco credibili è sicuramente diminuito rispetto al passato. Per permettere anche ai giocatori meno esperti di familiarizzare con le numerose meccaniche di gioco FIFA 18 mette nuovamente a disposizione una vasta gamma di opzioni con cui personalizzare l’esperienza tramite cui è possibile attivare o disattivare una vasta gamma di aiuti, regolare la velocità di gioco generale o intervenire sui singoli aspetti del gameplay. Praticamente invariati i menu, che permettono come da tradizione di gestire e modificare abbastanza agevolmente ogni aspetto della propria squadre. Anche Il sistema di apprendimento interattivo FIFA Trainer, attivabile come di consueto in qualunque momento premendo una delle levette analogiche, è stato rivisto e ora oltre a suggerire al giocatore quali tasti premere è possibile visualizzare sia la direzione nel quale si muove il giocatore sia la traiettoria degli eventuali passaggi.

A muovere la serie di FIFA per il secondo anno consecutivo è il motore grafico Frostbite, capace anche in questa occasione di raggiungere i 1080p a 60fps mantenendo un ottimo livello di dettaglio generale. Rispetto al capitolo precedente i miglioramenti più evidenti, oltre a quelli già citati legati al New Animation System, riguardano il livello di dettaglio degli stadi, ulteriormente incrementato grazie alla presenza di tanti nuovi elementi a bordo campo e sugli spalti, la gestione dell’illuminazione,resa ancora più omogenea, e l’introduzione di nuovi effetti ambientali inediti come la nebbia, tre elementi capaci di caratterizzare in modo ancora più netto le singole arene rendendole ancora più simili alla realtà. Oltre a migliorare ulteriormente i modelli dei giocatori EA ha inoltre lavorato a fondo per rendere più varie e credibili le tifoserie, che ora si muovono in modo meno meccanico durante tutta la partita arrivando addirittura a bordo campo per abbracciare i propri beniamini dopo un gol spettacolare. Ottimo come sempre il comparto audio, capace di riprodurre in modo ottimale e coerente l’intera gamma di suoni ambientali presenti sui campi da gioco grazie ad un lavoro di campionatura svolto come sempre a regola d’arte. La telecronaca è nuovamente affidata alla coppia Pardo – Nava, che non mancheranno di sottolineare con continuità le nostre giocate ed i replay. Da questo punto di vista, se si escludono le righe di dialogo dedicate alla modalità “Il Viaggio” , le differenze con il passato sono praticamente nulle, nel bene e nel male. Niente di nuovo da segnalare anche per quanto riguarda il net-code, che si è dimostrato stabile durante tutti i match disputati.

Amore

Gameplay sempre più raffinato

- Il meticoloso lavoro svolto di anno in anno dagli sviluppatori ha permesso alla serie di FIFA di migliorare costantemente nel corso delle ultime stagioni senza dover ricorrere a grosse rivoluzioni e FIFA 18 conferma questo trend positivo. Il New Animation System avvicina ulteriormente l’azione di gioco alla realtà, rallentandola quel tanto che basta da dare ancora più importanza alle giocate a centrocampo e ai dribbling negli spazi stretti mentre le modifiche apportate alla gestione della I.A. in fase offensiva spingono i nostri compagni ad inserirsi con maggiore frequenza negli spazi e a sfruttare a dovere le fasce, da dove è possibile apprezzare tutto l’ottimo lavoro svolto sulle traiettorie dei cross. La presenza di nuove animazioni ha inoltre permesso di rivedere i tiri rasoterra e le classiche “zampate” sottorete rendendole più incisive, mentre in fase difensiva i team appaiono più omogenei e meno soggetti alle classiche imbucate in velocità. Tante piccole innovazioni che, sommandosi, migliorano ulteriormente la giocabilità e ampliano il ventaglio di opzioni a disposizione di chi impugna il pad, mantenendo sempre la giusta continuità con quanto di buono messo in mostra negli ultimi anni.

Atmosfera di grande impatto

- Il tridente formato da Frostbite, New Animation System e dalla tecnologia Real Player permette a FIFA 18 di bucare letteralmente lo schermo e trasportare tutta la magia del calcio televisivo nelle nostre “stanze da gioco”. Tutti i campionati più famosi sono stati caratterizzati alla perfezione, sia per quanto riguarda il format utilizzato per la grafica sia per quanto riguarda le coreografie, e la stessa attenzione è stata riposta nel riprodurre fin nei minimi dettagli arene, soprattutto quelle ufficiali, che oltre a beneficiare delle potenzialità del sistema di illuminazione, capace di regalare grandi soddisfazioni in ogni condizione, prendono quasi vita grazie al sapiente uso di palette cromatiche differenti in base alla località e all’introduzione di tutta una serie di dettagli specifici quali striscioni, festoni e coriandoli. A valorizzare al meglio tutti questi dettagli ci pensano ovviamente le inquadrature di stampo televisivo ma anche le animazioni dei giocatori, sia durante le partite che nelle scene di intermezzo, e le tifoserie, rese ulteriormente più varie e capaci finalmente di muoversi in modo realisticamente non omogeneo. EA ha lavorato a fondo su tutti questi aspetti ottenendo un risultato a tratti incredibile capace di rendere ogni match unico e di trasmettere al giocatore tutte le emozioni del calcio giocato, sia in campo che fuori.

Il ritorno di Alex Hunter

- Dopo gli ottimi risultati ottenuti con la prima stagione de “Il Viaggio” i ragazzi di EA erano moralmente obbligati a osare ancora di più, sia da un punto di vista della trama sia per quanto riguarda la varietà di situazioni. Il risultato, se possibile, supera praticamente ogni aspettativa. La sceneggiatura non solo regge il confronto con l’edizione precedente ma riesce a toccare temi importanti e a mettere in mostra una profondità adeguata al contesto capace di coinvolgere dall’inizio alla fine. Nonostante la storia proceda più o meno su binari prestabiliti i giocatori, contrariamente a quanto accaduto lo scorso anno, saranno inoltre chiamati ad effettuare alcune scelte importanti, che avranno conseguenze dirette sulla vicenda e non solo sull’apprezzamento del mister o dei tifosi. Come se non bastasse, proprio quando la trama sembra non avere più nulla da dire, ecco spuntare dei classici colpi di scena che, seppur in modo abbastanza prevedibile, riescono a scongiurare definitivamente il rischio di annoiare il giocatore. L’aggiunta di una modalità multigiocatore in locale permette inoltre di condividere anche questa modalità con i propri amici o familiari, così da non obbligare il giocatore a vivere in solitaria le vicende di Hunter & Co.

Sostituzioni veloci

- “SI PUO’ FAREEEEE “[.cit]. Chiedo scusa per lo sfogo ma dopo anni passati a chiedermi come mai EA non implementasse nella serie di FIFA una gestione più rapida delle sostituzioni degna di essere presa in considerazione dovevo farlo. La possibilità di selezionare prima del match i cambi e metterli in pratica durante le interruzioni di gioco con la semplice pressione di un tasto e senza dover necessariamente entrare nel menu, per quanto apparentemente secondaria, rappresenta un vero punto di svolta per la serie. Innanzitutto evita delle fastidiose interruzioni, rendendo l’azione di gioco più fluida, ma soprattutto rende questa operazione intuitiva e alla portata di tutti, anche di coloro che generalmente si dimenticano di avere a disposizione una panchina o non amano mettere mano ai menu dopo il fischio d’inizio.

Squadra che vince non si cambia (ma si migliora!)

- Dopo parecchi anni passati a giocare ai titoli calcistici sono moderatamente sicuro che questo sia uno dei motti del team di EA responsabile della serie di FIFA. La strada intrapresa qualche anno fa continua a dare i suoi frutti grazie ad un lavoro di perfezionamento costante abbinato alla capacità di soddisfare le esigenze di un’ampia fetta di pubblico con tante modalità di gioco differenti, tutte ben realizzate e capaci di regalare ore e ore di divertimento, da soli o in compagnia. Sfide veloci, campionati, competizioni online, modalità competitive, coop, il Viaggio e l’intramontabile FUT. L’offerta di FIFA 18 non è solo la più ricca vista finora nella serie ma è anche la più completa e la più rifinita. Un risultato notevole e che dimostra l’impegno costante profuso dagli sviluppatori per spingere sempre più in alto la serie.

Odio

Qualche imperfezione grafica

- Che il Frostbite non sia un motore grafico a prova di bug è ormai storia nota e anche FIFA 18 porta purtroppo le “cicatrici” di questo annoso problema sotto forma di qualche incertezza grafica di troppo, legata principalmente alla gestione delle animazioni, alle compenetrazioni e al sistema di illuminazione. Non è infatti raro vedere gli arti dei giocatori fare dei movimenti completamente senza senso, soprattutto dopo un contrasto o dopo una caduta, così come non è raro vedere i calciatori attraversare materialmente i cartelloni pubblicitari o altri elementi di contorno durante le sequenze animate, specie dopo un gol. Il sistema di illuminazione sembra invece soffrire di un fastidioso picco di intensità dopo i replay, che per qualche istante rende praticamente invisibile il campo di gioco. A penalizzare ulteriormente il comparto grafico ci pensa poi la consueta disparità grafica presente tra i giocatori sottoposti a scansione dettagliata, splendidamente riprodotti, e tutti gli altri, talvolta poco somiglianti alle controparti reali e privi di personalità. Per fortuna tutti questi difetti non influiscono in modo sensibile sull’esperienza di gioco ma, come ripeto ormai da qualche anno, da una produzione di questo livello è giusto, nonché doveroso, pretendere qualcosa di più.

O tutto o niente

- So che può sembrare una finezza ma giocare tutta la modalità il Viaggio con un doppiaggio incompleto è decisamente fastidioso. Onestamente non ho capito perché EA abbia deciso di doppiare, tra l’altro in modo più che accettabile, solo i personaggi principali mantenendo invece le voci originali delle numerose guest star. Inizialmente pensavo ad una scelta stilistica fatta per valorizzare le capacità recitative di Cristiano Ronaldo, Rio Ferdinand e simili ma dopo aver giocato tutta la seconda stagione posso tranquillamente affermare che non è questo il motivo (ho ancora i brividi se ripenso alla performance di Rio Ferdinand…). E’ un vero peccato che EA abbia intrapreso questa strada ibrida che, a conti fatti, si è rivelata quella peggiore sia per coloro che non masticano l’inglese sia per coloro che avrebbero tranquillamente fatto a meno del doppiaggio.

Nessuna licenza per il campionato italiano

- Ebbene si. Anche quest’anno la serie di FIFA non ha acquisito le licenze ufficiali delle competizioni italiane e pertanto dovremo nuovamente “digerire” il fatto di non godere dello stesso trattamento riservato a tutti gli altri campionati “maggiori”, il che si traduce nell’utilizzo di nomi di fantasia per indicare le varie competizioni e in una presentazione grafica meno ispirata. Un vero e proprio peccato, soprattutto se si considera l’importanza data proprio alla componente visiva prima, durante e dopo i match.

Tiriamo le somme

FIFA 18, come prevedibile, non porta con sé grandi cambiamenti o modalità particolarmente innovative, ma grazie alle numerose novità, introdotte con maestria in uno schema di gioco ben collaudato, rappresenta senza ombra di dubbio il punto di qualità più alto raggiunto dalla serie in questa generazione sotto ogni punto di vista. Giocabilità, varietà, comparto tecnico e modalità online. Ognuno di questi aspetti è stato rivisto, ampliato e migliorato per riprodurre al meglio l’universo calcistico in ogni sua declinazione. Proprio come i suoi predecessori non è perfetto e se non siete amanti della filosofia calcistica targata EA probabilmente non sarà questo capitolo a farvi cambiare idea ma questo non può, e non deve, sminuire le qualità di un titolo capace anche quest’anno di regalare tantissime ore di divertimento a tutti coloro che amano il bel calcio.
9.0

c Commenti

copertina

L'autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS ed ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus