MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Wasteland 3
copertina

Recensione - Wasteland 3PS4Game

Seppur con un leggero ritardo rispetto al lancio primaverile previsto inizialmente, il nuovo RPG di inXile Wasteland 3 è finalmente approdato sulle nostre console. Siete pronti a indossare i panni dei Ranger per affrontare (o diventare) i pericoli che minacciano il Colorado? Noi lo abbiamo fatto, e questo è quello che abbiamo visto.

Il Gioco

Wasteland 3 è un RPG tattico con visuale isometrica e combattimenti a turni che mette il giocatore al comando di un gruppo di avventurieri in un futuro post-apocalittico devastato dalla Guerra Nucleare. Ci troviamo negli Stati Uniti o, per essere più precisi, in quello che ne resta. I conflitti atomici hanno infatti “sgretolato” la nazione alla fine del XX secolo dando vita a un nuovo ordinamento socio-politico basato su tante comunità indipendenti, che si contendono ciò che resta del Paese con metodi più o meno “etici”. Uno dei gruppi più attivi è quello dei Ranger, da sempre protagonisti della serie e che rivestono un ruolo fondamentale anche nel nuovo capitolo, seppur con qualche piccola differenza rispetto al passato. Il Team November, dopo essere miracolosamente scampato a un’imboscata organizzata da un gruppo di fuorilegge conosciuti come “Dorsey”, lascia infatti l’Arizona, storico teatro della saga, per raggiungere le lande innevate del Colorado e incontrare il Patriarca, il carismatico leader che da lungo tempo governa sulla zona dal suo quartier generale situato nella città di Colorado Springs. E’ lui ad aver richiesto l’intervento dei Ranger per fronteggiare una crescente minaccia che incombe sulla regione e sui sopravvissuti che la popolano, offrendo ai potenziali alleati la possibilità di espandere la propria zona di influenza come ricompensa. Alcuni pericolosi individui stanno infatti pensando di mettere a ferro e fuoco il Colorado per spodestare il Patriarca e sarà nostro compito cercare di fermarli (o forse no?).

img
Sono queste le premesse dalle quali prende il via Wasteland 3 dopo una breve, per quanto concitata, missione introduttiva, che funge da tutorial per le meccaniche di base del titolo e che rappresenta l’incipit di un’avventura capace di tenere incollato allo schermo al giocatore per un numero di ore che va dalle circa 30/40 ore necessarie per completare la sola trama principale alle oltre 80/100 ore se si decide di completare ogni missione secondaria e di esplorare tutte le numerose possibilità che offre il titolo. L’ultima fatica di inXile è infatti un gioco di ruolo “vero”, nel quale ogni scelta del giocatore ha una conseguenza tangibile sullo sviluppo degli eventi e questo, in aggiunta alla possibilità di adattare la difficoltà alle proprie preferenze e alla presenza di finali multipli, incrementa notevolmente la longevità e la rigiocabilità del titolo. Tutto però inizia, come in ogni RPG che si rispetti, con la scelta del proprio alter-ego o, nel caso di Wasteland 3, della coppia con cui iniziare. Una volta avviata la partita, al giocatore viene infatti data al possibilità di selezionare il proprio team di personaggi tra le 5 coppie disponibili, che si differenziano per attributi di base, abilità iniziali e background dei personaggi, o di crearlo da zero utilizzando un classico editor, se le combinazioni proposte non convincono.

MP Video - Wasteland 3

I 7 attributi base, come da tradizione del genere, influenzano le percentuali di successo delle varie azioni, i punti vita massimi, il numero di punti azione disponibili durante i combattimenti e tutte le altre caratteristiche base del personaggio. Le 22 abilità definiscono invece con maggiore precisione le capacità di un personaggio con uno specifico tipo di arma, la sua propensione alla dialettica, la sua abilità nello scassinare serrature, la sua esperienza come meccanico, l’eventuale possibilità di modificare armi o armature e, perché no, anche le sue capacità come riparatore di piastre per toast. Da questo punto di vista , Wasteland 3 offre una libertà totale con effetti tangibili sul gameplay, così da consentire al giocatore di puntare tutto su alcuni caratteristiche e specifiche abilità per creare personaggi molto specifici o di dare vita a Ranger “tuttofare” investendo pochi punti su un ventaglio più ampio di opzioni. La scelta delle abilità permette infatti di sbloccare perks, ovvero miglioramenti specifici e abilità extra, con cui rendere ancora più minuziosa la caratterizzazione di ogni singolo personaggio. Questo aspetto assume un ruolo fondamentale in Wasteland 3 poiché il giocatore, come detto inizialmente, non interpreta il ruolo solo dei due personaggi scelti ma bensì quello di chi “gestisce” un team che può arrivare a contenere altri 4 membri, che potranno essere reclutati e variati più volte nel corso dell’avventura. Tutti i personaggi accumulano punti esperienza per ogni azione portata a termine, sia essa una missione, un’uccisione o un'azione particolare conclusa con un successo. Questo permette ai personaggi di salire di livello ottenendo di volta in volta nuovi punti da investire per incrementare le statistiche base, per migliorare le proprie abilità o per sbloccare nuovi perks. Ai 6 membri del team si aggiungono poi alcuni alleati temporanei (non sempre umani) che offriranno il loro aiuto al gruppo, ma che non possono essere controllati direttamente dal giocare e che rientrano nel processo di crescita e sviluppo descritto.

img
Al netto di queste importanti precisazioni, il nuovo gioco di ruolo sviluppato da inXile si presenta al pubblico come un titolo con visuale isometrica sostanzialmente suddiviso in due fasi: quelle di esplorazione, gestite in tempo reale, e quelle di combattimento, gestite con un classico sistema a turni. Durante le fasi esplorative il giocatore può muovere i personaggi liberamente, come squadra o come singoli, interagire con numerosi oggetti presenti nello scenario, ispezionare punti di interesse o dialogare con i numerosi NPC presenti nelle varie ambientazioni, che spaziano da agglomerati urbani di varie dimensioni e spazi aperti, passando per zone rurali, aree industriali e così via, tutte ben caratterizzate e dotate di uno stile che pesca a piene mani dall’immaginario post-atomico più tradizionale. Tutte queste azioni rivestono ovviamente un ruolo fondamentale, sia perché permettono al giocatore di scoprire nuovi luoghi e di raccogliere il contenuto dei contenitori sparsi un po’ ovunque nel mondo di gioco sia perché molti degli incarichi, principali e secondari, potranno essere scoperti, sviluppati e portati a termine anche, o solo, tramite l’esplorazione e il dialogo con gli altri NPC. Come già detto, ogni azione ha una conseguenza e molte andranno a modificare la reputazione generale del team o quella relativa a una delle fazioni presenti nel gioco, con conseguenze dirette sullo sviluppo degli eventi.

Le caratteristiche di base dei vari personaggi e le loro abilità giocano un ruolo fondamentale anche in queste fasi perché molte delle statistiche e molti dei vantaggi presenti influenzano le attività che è possibile eseguire durante l’esplorazione, oltre che ovviamente l’andamento dei dialoghi. Mentre si cammina si può infatti scoprire una trappola o un oggetto nascosto nel terreno grazie alla capacità di osservazione di uno dei membri del team, ci si può imbattere i porte o lucchetti da forzare grazie alle abilità di scassinatore di un altro componente della squadra o si può facilmente evitare uno scontro facendo leva sulle conoscenze scientifiche e/o sulla faccia tosta del nostro fidato medico. Il mondo di Wasteland 3 non è però fatto solo di aree da esplorare a piedi. Le numerose città presenti nel titolo gli accampamenti e tutti i luoghi di interesse sono infatti “collegati” tra loro da strade e percorsi che possono essere attraversati a bordo di un imponente mezzo corazzato conosciuto come Kodiak. Il titolo di inXile ovviamente non si dimentica di essere un gioco di ruolo nemmeno in queste sezioni, continuando a offrire nuovi spunti al giocatore attraverso nuovi incarichi che vengono comunicati attraverso la radio installata nel Kodiak e numerosi incontri casuali.

img
Quando anche la dialettica e il basso profilo falliscono, nel mondo di Wasteland 3 non resta altra soluzione che passare alle maniere forti. Durante gli scontri il titolo di inXile si trasforma in un classico strategico a turni nel quale ogni personaggio dispone di un certo numero di punti abilità, che possono essere spesi per muoversi sul terreno di battaglia, per attaccare gli avversari, per utilizzare i consumabili presenti negli slot rapidi, per sfruttare una delle abilità in possesso del team e molto altro ancora. Ogni arma dispone di un certo raggio di azione, di proprie caratteristiche, che influiscono sulla forbice di danno inflitto ai nemici e sulle possibilità di successo, e richiede un certo numero di PA per essere usata. Sul totale dei danni inflitti (o subiti) influisce ovviamente anche la corazza indossata, che assorbe un quantitativo di danni proporzionato alla differenza tra il valore di resistenza della stessa e il grado di penetrazione dell’arma. Qui entra quindi il gioco il sistema di gestione dell’equipaggiamento e dell’inventario.

In Wasteland 3 è infatti possibile raccogliere e utilizzare una vasta gamma di armi che vanno da armi corpo a corpo improvvisate a potenti lanciarazzi, passando per pistole, fucili automatici, mitra, lame di vario genere e armi futuristiche. Ogni personaggio di base può equipaggiarne due, alle quali si sommano eventuali trappole o esplosivi da lancio che possono essere inseriti, così come i consumabili curativi o gli stimolanti, nelle tasche della cintura per un utilizzo rapido durante gli scontri. A queste si sommano poi innumerevoli parti di corazza, suddivise in 4 aree del corpo (testa, torso, gambe e piedi) e che si differenziano per grado di protezione, abilità extra e bonus/malus alle statistiche del personaggio. Sia le armi che le armature possono poi essere modificate, a patto di avere nel team un personaggio con la giusta capacità, inserendo degli accessori negli slot dedicati presenti così da incrementarne una o più caratteristiche.

img
Quando un personaggio esaurisce i propri punti vita finisce a terra, ma questo non significa che sia morto. Gli altri membri del team possono infatti rianimarlo entro un certo numero di turni. Se non ci riescono, il personaggio muore in modo definitivo, a meno di possedere un consumabile capace di resuscitarlo. Ad aggiungere ulteriore spessore ai combattimenti ci pensano una lunga lista di bonus e malus che possono essere applicati (o inflitti) a personaggi e nemici, come il congelamento, il sanguinamento, la paura e così via. Negli scontri all’esterno dei centri abitati il giocatore può inoltre contare sul supporto del Kodiak, che diventa a tutti gli effetti un membro del team dotato di PA e che può essere utilizzato per colpire i nemici con le armi installate o, perché no, per investirli in un modo tanto scorretto quanto efficace.

img
L’intera avventura di Wasteland 3 può essere affrontata in solitaria o in modalità cooperativa online, sia creando la propria lobby (pubblica o privata) che attraverso una classica ricerca delle stanze disponibili. Il sistema di gestione della componente multigiocatore permette ai giocatori di entrare/uscire dalle partite in qualunque momento e di poter iniziare/continuare le partite in entrambe le modalità mantenendo tutti i progressi raggiunti. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico di Wasteland 3, inXile ha deciso di affidarsi alle capacità del motore grafico Unity. Sulla piattaforma utilizzata per la prova (Xbox One X) il titolo raggiunge i 4K a 30fps con pieno supporto alla tecnologia HDR. Il comparto audio è invece affidato a una colonna sonora originale composta da Mark Morgan e Mary Ramos, che include numerose cover e anche qualche traccia inedita. Brutte notizie invece per quanto riguarda la localizzazione in lingua italiana, del tutto assente sia per quanto riguarda i dialoghi sia per quanto riguarda le parti scritte.

Amore

Un GdR davvero profondo

- inXile da sempre sforna giochi di ruolo di alta qualità e Wasteland 3, per nostra fortuna, non è un’eccezione. L’ultimo capitolo della saga propone infatti un gameplay di stampo classico, fatto di statistiche, abilità,numeri e percentuali, unito a trama che si adatta in modo magistrale alle scelte e allo stile di gioco di chi impugna il pad. Il giocatore vive quindi la propria avventura dalla sequenza iniziale fino a uno dei tanti epiloghi preparati dagli sceneggiatori con la sensazione di poter davvero influenzare gli eventi e questa è, a conti fatti, la quintessenza che rende i giochi di ruolo un’esperienza davvero unica anche nella loro versione digitale.

Combat system coinvolgente

- A rendere Wasteland 3 accattivante anche per chi non vive di soli dialoghi e statistiche ci pensa una gestione dei combattimenti stratificata, nella quale ogni mossa deve essere pianificata con estrema cura prima, durante e dopo la battaglia. Scegliere l’equipaggiamento giusto e bilanciare al meglio il team può infatti fare la differenza tra la vita e la morte, così come valutare sempre tutte le opzioni disponibili sul campo di battaglia e sfruttare nel modo corretto le peculiarità di tutti i personaggi durante gli scontri o al termine degli stessi. Inizialmente la mole di informazioni da tenere in considerazione prima di agire può sembrare eccessiva, ma una volta appresi tutti i rudimenti base Wasteland 3 diventa un titolo estremamente coinvolgente anche, e soprattutto, quando gli scontri iniziano a farsi più lunghi e più impegnativi.

Atmosfera

- Pur senza inventare nulla di nuovo, il Colorado post-apocalittico e innevato di Wasteland 3riesce a risultare credibile e perfettamente in linea con l’immaginario del genere. Sopravvissuti che vivono tra le macerie di antiche città, culti improbabili, leader improvvisati, statue giganti, robot dal design peculiare, modifiche cibernetiche, guerre di potere, bande di fuorilegge pronti a tutto, aree radioattive, creature deformi e così via. Nell’ultima fatica di inXile non manca praticamente nulla e tutto sembra trovare la giusta collocazione all’interno di un universo capace di soddisfare i desideri degli appassionati, anche quelli più esigenti. A fare da filo conduttore tra tutti questi elementi ci pensa la splendida colonna sonora, che in più di un occasione riesce a sorprendere il giocatore con brani totalmente inaspettati.

Black humor

- Le atmosfere del gioco non sarebbero però le stesse la sana dose di ironia infusa dagli sviluppatori in ogni situazione, anche quelle più spinose. Sono infatti pochi i titoli che possono permettersi di trattare temi come il razzismo, il cannibalismo, il disagio sociale e tutte le conseguenze di un conflitto nucleare senza risultare opprimenti e Wasteland 3, con il suo essere costantemente sopra le righe, è sicuramente uno di questi. Dalla descrizione degli oggetti, anche quelli del tutto inutili, alla personalità dei protagonisti e degli antagonisti principali, passando per dialoghi capaci di strappare sempre un sorriso amaro e incarichi “particolari”. Nel nuovo capitolo di Wasteland nulla è lasciato al caso e ogni elemento contribuisce a rendere piacevole l’esplorazione, strappando più di una risata a chi deciderà di prendersi il tempo necessario per godere degli innumerevoli tocchi di classe presenti nel gioco.

Modalità cooperativa

- Non capita spesso di poter giocare un titolo come Wasteland 3 dall’inizio alla fine in compagnia di un amico o di un altro appassionato del genere reclutato sulla rete. inXile non solo offre ai giocatori questa opportunità, ma la rende anche più accessibile consentendo di non dover per forza scegliere se giocare da soli o in coop. Si tratta di un’aggiunta apparentemente poco importante ma che, in alcuni casi, potrebbe permettere anche a chi non ama particolarmente il genere di avvicinarsi alla saga.

Odio

Reazioni poco coerenti

- Se è vero che il mondo di gioco di Wasteland 3 e i vari NPC che lo popolano reagiscono in modo coerente alle nostre azioni, lo stesso non si può dire dei membri del team. I vari personaggi risultano infatti fin troppo passivi e, salvo in rare occasioni, sembrano non interessarsi particolarmente alle nostre azioni. Ogni tanto qualcuno prova a esternare il proprio disappunto per una scelta controversa, ma il tutto si risolve senza particolari conseguenze sulla trama o sugli equilibri del party. A questo si aggiunge poi il fatto che le reazioni dei vari personaggi a ciò che accade ogni tanto risultano poco credibili o fin troppo stereotipate, anche per un titolo del genere. Una maggiore cura a questi dettagli avrebbe sicuramente aiutato.

Limiti tecnici

- La scelta di utilizzare il motore grafico Unity, per quanto comprensibile, limita purtroppo le aspirazioni tecniche di Wasteland 3. L’ottima resa grafica delle ambientazioni e la buona qualità generale degli elementi si scontrano infatti con un evidente riciclo di asset abbinato a prestazioni non sempre al top, caricamenti eccessivamente lunghi e qualche bug di troppo. Per fortuna si tratta di difetti che non penalizzano più di tanto la giocabilità, ma che comunque non consentono al titolo di scrollarsi del tutto di dosso l’aura da produzione con budget contenuto.

Nessuna localizzazione italiana

- Per quanto io non sia uno di quelli che considera la localizzazione o il doppiaggio come un elemento fondamentale per poter godere di un gioco, ammetto che ci sono titoli per i quali l’assenza totale della lingua italiana può diventare un limite. Wasteland 3, con i suoi interminabili dialoghi, gli innumerevoli documenti da leggere e le pungenti descrizioni degli oggetti, ricade proprio in questa categoria risultando non solo molto complesso da affrontare per chi non mastica la lingua inglese (o una delle altre presenti), ma anche molto meno coinvolgente per chi non riesce ad apprezzare le innumerevoli sfumature e i tanti giochi di parole preparati dagli sviluppatori.

Tiriamo le somme

Wasteland 3 è un gioco di ruolo di altissima qualità che miscela le meccaniche tradizionali del genere con un sistema di combattimento a turni molto coinvolgente, e con una trama ben strutturata all’interno della quale i giocatori possono davvero vivere la loro avventura post-apocalittica. Qualche difetto ovviamente c’è, specie sotto il profilo tecnico, ma nel complesso si tratta di problematiche minori che non penalizzano più di tanto il titolo e che presumibilmente potranno essere risolte con qualche patch. La totale mancanza di localizzazione italiana gioca però un ruolo importante e rende il titolo godibile al 100% solo da chi padroneggia in modo fluente almeno una delle lingue presenti. Se siete tra questi, Wasteland 3 è un titolo assolutamente da non perdere e che saprà regalarvi tantissime ore di divertimento.
8.3

c Commenti

copertina

L'autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS ed ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus