MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Madden NFL 22

Recensione - Madden NFL 22PS5 PS4 DigitalGame

Siamo ormai alla fine dell’estate, e oltreoceano è già ricominciata la corsa al titolo NFL dopo la vittoria di Tampa su Kansas City nell’edizione 2021. Immancabile arriva quindi anche Madden NFL 22, nuova edizione del popolare simulatore di EA studiata appositamente per le macchine di nuova generazione: saprà stupire appassionati e non?
img

Il Gioco

Per chi conosce la storia della NFL e dei Vikings in particolare, la partita dei Minnesota Vikings più memorabile alla quale si sia mai assistito è stata quando Daunte Culpepper si tuffò per il touchdown vincente da 6 metri di distanza; un'emozionante conclusione di un pomeriggio trascorso strizzando gli occhi al piccolo jumbotron del Metrodome cercando di vedere cosa stesse succedendo. Cosa c’entra tutto questo con Madden NFL 22? C’entra eccome, perché se il succitato Dome è andato in pensione da tempo, il suo spirito vive in Madden NFL 22, anche se non necessariamente nel modo in cui EA intende. La versione di quest'anno di Madden cerca di catturare con nuove meccaniche di gioco il rumore stridente della folla che una volta era il biglietto da visita del Metrodome, ma ci riesce solo parzialmente, come accade per altri aspetti (spesso di contorno) del gioco.

MP Video - Madden NFL 22

Dopo aver inaugurato con Madden 21 il "Next-Gen Stats", un sistema che utilizza le telecamere sul campo per produrre miglioramenti più raffinati all'animazione, Madden NFL 22 riprende lo stesso approccio lento e costante che ha caratterizzato il ritmo dei miglioramenti del franchise negli ultimi dieci anni. Visivamente, non sembra essere un grande passo avanti rispetto alla versione dell'anno scorso che girava sulle console di ultima generazione, anche se è notevolmente più fluido quando gira nella modalità Performance a 60fps, ma dopo le mie prime ore con Madden NFL 22, la mia reazione immediata è stata quella di dire: "Sì, è sicuramente Madden" con annessi e connessi ormai storici per la serie (glitch, interfaccia goffa e, talvolta, animazioni leggermente robotiche).

Il più grande successo negli ultimi cinque anni di Madden è probabilmente da ricercarsi nel sistema X-Factor, un modo arcade ma divertente per differenziare alcune superstar concedendo loro alcune abilità speciali, probabilmente il motivo principale per cui Madden NFL 22 sta ripescando la vecchia meccanica del vantaggio di giocare in casa (tipico della serie NCAA Football) denominandola "M-Factor". Il vantaggio di giocare in casa (Homefield Advantage) rappresenta la caratteristica più notevole di Madden NFL 22, ed ha un impatto praticamente su tutte le sue modalità. In questo modo si cerca di scuotere l'atmosfera di gioco, troppo bloccata da tempo, ed aggiungere un ulteriore livello di strategia nella gestione delle partite. Non è una cattiva idea a prima vista, anche se andrebbe comunque implementata ancora meglio in quanto non se ne nota l’impronta in città come Seattle o Green Bay, dove giocare in casa è davvero decisivo nella realtà.

Il sistema funziona? Forse non ancora del tutto, ma sembra molto promettente: l'idea è che un piccolo meter si carichi ogni volta che una squadra fa una grande giocata, sbloccando vantaggi come il potenziamento della resistenza e stravolgendo, al contempo, il playbook dell'avversario facendo vibrare lo schermo. Le squadre in trasferta possono anche capovolgere la situazione mettendo a tacere i tifosi e sbloccando i propri bonus vantaggiosi.

img
Risulta essere abbastanza chiaro che c'è ancora qualche ritocco da fare, soprattutto con la gestione degli M-Factor, e anche il team di sviluppo sembra saperlo. Appena lanciato il gioco quello che stupisce, a parte l’inevitabile rivisitazione dell’ultimo Superbowl tra Chiefs e Buccaneers, è l’impoverimento dell’interfaccia principale di gioco che appare quanto mai scarna e lascia quella sensazione di “lavori in corso” come se si fosse rilasciato un prodotto sì di buona fattura ma non completo al 100%. Questa lieve sensazione d’incompiuto si ripercuote anche sul menù di creazione dell’Avatar del giocatore e su alcuni aspetti della modalità Carriera per la quale, ad esempio, la modalità di scouting sarà resa disponibile solo dopo il lancio.

Gli aggiornamenti più riusciti tendono ad essere quelli che passano inosservati ai fan: per esempio, Madden NFL 22 introduce alcune modifiche al momento dell'intervallo, una piccola ma significativa nuova caratteristica che ha un notevole impatto sulla strategia di gioco. Se il nostro avversario ci sta bruciando in profondità con Tyreek Hill, possiamo scegliere l'opzione "Defend Deep Pass" a costo di rinunciare a passaggi più corti. Oppure, se siamo in vantaggio, possiamo scegliere di concentrarci sulla corsa della palla: il tutto è di semplice gestione ma di grande effetto.

E se la maggior parte del tempo l’ho sempre dedicata, come la maggior parte dei fan, alla lunghissima lega online (che presenta ulteriori minimi aggiustamenti), quello che mi ha colpito di più è stato l’aggiornamento dedicato alla modalità Franchise, molto criticata dagli appassionati della serie negli ultimi anni. In Madden NFL 22 finalmente si vedono i frutti del duro lavoro di EA Sports con risultati davvero impattanti. Ad esempio, giocando con i Buffalo Bills, sono stato contento di vedere una breve scena di gioco che enfatizza l’hype di una prossima partita di playoff con i New England Patriots. Tali momenti di storia sono stati dolorosamente carenti dalla modalità franchise di Madden nel corso degli anni ma l’aspetto narrativo è parte essenziale di un gioco dedicato al Football USA.

img
Ci sono, però, ancora degli aspetti da correggere per raggiungere i livelli di titoli sportivi come NBA 2K ma anche del titolo EA dedicata al mondo dell’NHL. Va perfezionata la visione del salary cap che ha poco in comune con la NFL reale, senza la possibilità di ristrutturare i contratti o convertire il denaro in bonus. Le squadre speciali sono state eliminate, un vero peccato, dato che i giocatori undrafted che alla fin fine possono diventare delle stelle, come il ricevitore dei Vikings Adam Thielen, spesso provengono dalle file di special teams.

Le più grandi soddisfazioni il gioco le regala, oltre che con la Lega online, con le due modalità arcade The Yard e Superstar KO: lanciarle è un po' come entrare in un gioco completamente diverso, con gli stadi, i menu e persino la tavolozza dei colori che si mostrano più luminosi ed interattivi a sottolineare il diverso contesto (quello da Street Football) nel quale sono ambientate le suddette modalità di gioco. Queste si legano molto più saldamente all'avatar del giocatore che si trova al centro del menu principale, con i progressi in The Yard che si applicano a Face of the Franchise, e viceversa.

E’ ormai chiaro come Madden NFL 22 stia cercando di creare un'esperienza centralizzata simile a quanto visto in NBA 2K o MLB The Show, con i progressi in una modalità che vanno a sbloccare ricompense in altre. Abbiamo già accennato a Face of the Franchise, sostanzialmente la modalità Storia di Madden NFL 22, che parte da un’idea più che valida ma si perde un po' per strada in quanto risulta essere troppo breve per rendere appieno il pathos nell’intraprendere, da zero, una carriera nel mondo NFL. Face of the Franchise, infatti, lancia il vostro personaggio personalizzato come una giovane stella in ascesa, con una storia costruita intorno a una serie di sfide e momenti di storia focalizzati al Draft NFL. Interessanti i richiami al football da college ma sono difficilmente integrati nella storia generale e vengono rapidamente dimenticati. La manciata di scelte che si fanno, come ad esempio partecipare ad un evento Nike o portare la squadra fuori a cena, rappresentano quasi sempre un mezzo strettamente meccanico per aumentare le proprie statistiche o guadagnare più valuta per l'acquisto di oggetti di gioco, con scarso impatto sulla storia stessa. L'impatto delle scelte effettuate (è il caso dei colloqui con gli scout prima del Draft) è nebuloso e decisamente contradditorio. E quando la seconda stagione della vostra carriera NFL prende vita, il vostro personaggio è ancora indicato come un rookie: davvero poco aderente alla realtà.

img
Ma, a questo punto, scendiamo sul terreno di gioco per scoprire come ci appare visivamente la prima versione nata appositamente per le console next-gen, con gli sviluppatori che si sono concentrati maggiormente sulle nuove console pur non lasciando indietro la vecchia generazione, per la quale sono stati comunque aggiunti la nuova campagna della modalità The Yard e gli aggiornamenti di Face of the Franchise. Tuttavia, la versione old-gen del gioco non include i miglioramenti relativi ad Homefield Advantage (il vantaggio di giocare in casa) e quelli relativi alle animazioni dei giocatori. Quello che lascia davvero perplessi, però, è che le differenze tra le due versioni del gioco non sono poi così marcate.

E il gameplay? Beh, qui nulla da dire. Abbiamo a che fare con il nostro caro, vecchio Madden NFL che mantiene alcuni storici difetti (in diversi frangenti le animazioni restano troppo ruvide) ma, a far da contraltare, ci sono i tackle e le mischie più belle di sempre. Anche le meccaniche di lancio e ricezione sono state parzialmente riviste e mi ha fatto molto piacere notare come i lanci di 70 yard siano diventati impossibili anche ai livelli di difficoltà più bassi. Ampliato il playbook degli schemi difensivi, resta invariato quello relativo all’attacco ma, onestamente, era già completo lo scorso anno. Ottima come sempre la gestione dei calci piazzati e l’IA della CPU, soprattutto ai livelli di difficoltà più alti, vi fa davvero sudare le proverbiali sette camicie. La sensazione di possenza di alcuni giocatori è ben implementate così come le capacità di lancio dei quarterback più famosi. Insomma, abbiamo davanti una simulazione con i fiocchi da questo punto di vista anche se non si tratta certamente di una novità.

Ovviamente la licenza NFL ci fa trovare tutte le squadre e gli stadi aggiornati alla stagione 2021/22; dal punto di vista della localizzazione, l’italiano è ancora assente ma, tutto sommato, non se ne può fare una colpa ad EA date le percentuali di vendita della serie nel nostro Paese.

img

Amore

Casa dolce casa

- L’implementazione del vantaggio dovuto al fatto di giocare in casa cerca di catturare un aspetto reale dell’atmosfera di gioco: Madden NFL 22 incorpora questo vantaggio attraverso un nuovo meter. Fare una grande giocata, realizzare un touchdown o un field goal spingerà di slancio la vostra squadra, sbloccando diversi bonus tra i quali una maggiore resistenza alla fatica e una maggiore abilità nei lanci e nei calci. Le squadre di casa hanno tutte dei vantaggi unici progettati per riflettere la loro storia e l'atmosfera di ciò che avviene nel mondo reale. Si tratta di un add-on intelligente che va ancora leggermente perfezionato, anche se siamo sicuramente sulla strada giusta.

Esiste anche la difesa

- Dove le versioni precedenti di Face of the Franchise consentivano di giocare solo in attacco, la versione di quest'anno ci permette di giocare anche in un ruolo difensivo e, più precisamente, come linebacker. In pratica, la storia è la stessa con la differenza principale costituita dalle presenza di sfide orientate alla difesa in diversi contesti di gioco. Anche se la modalità, nella sua globalità, presenta ancora qualche lacuna, l’implementazione delle sfide difensive conferisce ulteriore longevità alla storia del nostro alter-ego digitale.

Coordiniamoci meglio

- Finalmente la modalità carriera permette di assumere coordinatori offensivi e difensivi: Nella vera NFL, i coordinatori offensivi e difensivi sono noti quasi quanto gli allenatori capo. E, finalmente, in Madden NFL 22 è possibile assumere (e licenziare) allenatori offensivi e difensivi a volontà, ognuno dei quali ha un albero delle abilità unico che offre particolari bonus per le diverse posizioni di gioco. Ottima l'idea di fondo, anche se l’interfaccia sa di una certa approssimazione che la fa sentire un po' rabberciata, soprattutto alla luce del fatto che non ci sono conseguenze irrimediabili in seguito al licenziamento di un coordinatore e l'assunzione di qualcun altro. Si tratta, però, di un’ottima idea che, se perfezionata, potrà garantire diverse soddisfazioni in futuro.

The Yard migliorata

- The Yard, una delle modalità arcade più apprezzate, introduce una modalità campagna grazie alla quale gli appassionati della modalità cooperativa di Madden troveranno pane per i loro denti con scenari di gioco appositamente studiati e sfide studiate secondo uno schema di difficoltà progressiva. La modalità è divisa in quattro capitoli, ognuno caratterizzato da un luogo unico con le proprie regole. The Yard è "l'altra metà" di Madden, una modalità cooperativa sorprendentemente completa che fa a meno di qualsiasi accenno di realismo in favore della pura stupidità arcade. Se è di vostro gusto, ci passerete la maggior parte del tempo di gioco.

Modalità Ultimate Team sempre piu’ definitiva

- Madden Ultimate Team rivede il modo in cui gestisce la chimica di squadra: pur non presentando molti aggiornamenti degni di nota quest'anno, i fan saranno felici di sapere che sta aggiornando il modo in cui gestisce l’amalgama di squadra, un meccanismo che tende a gestire al meglio le statistiche dei singoli giocatori per adattarle alle necessità di squadra. Naturalmente, va sempre sottolineato che Madden Ultimate Team e modalità simili rimangono controverse, a causa della loro dipendenza dalle microtransazioni, sempre più sotto il tiro degli organismi di controllo. Al di là di quest’aspetto, tutt’altro che secondario, va comunque sottolineato il tentativo di rendere sempre più perfetta la creazione del vostro Dream Team.

Odio

Modalità storia e il suo restyling

- Un’ulteriore decisiva revisione farebbe un mondo di bene a Face of the Franchise: un sistema di progressione del personaggio che non sia inutilmente oscurato, un migliore senso di come le ricompense possono essere spese attraverso le varie modalità ed un finale che non consista in una manciata di giocatori della NFL che offrono congratulazioni in video registrati frettolosamente dal cellulare sarebbe decisamente gradito. La modalità Storia soffre inevitabilmente di un alone di “incompiuto” che si ritrova un po' dappertutto, dai dialoghi ai minigiochi e agli incontri stessi con il risultato di offrire un prodotto dimezzato.

Stadi troppo retrò

- Con la nuova generazione di console pienamente avviata, Madden dovrebbe restituire la sensazione di essere veramente nel SoFi Stadium o l'Allegiant Stadium, una scintillante arena dedicata al football. In realtà, però, ci troviamo davanti ad un qualcosa di molto più vicino agli stadi multiuso di una volta, ossia quegli ovali di cemento che ospitavano il baseball il sabato, il football la domenica e i raduni di monster truck il lunedì. La NFL, in realtà, ha da tempo abbandonato gli stadi multifunzione come il Metrodome, riconoscendone la funzionalità ma non più la versatilità richiesta al giorno d’oggi. Probabilmente gli sviluppatori dovrebbero guardare un po' di più a quanto sta avvenendo nella realtà per aggiungere un ulteriore tocco di realismo.

Next-gen? Forse!

- Sebbene gli sviluppatori avessero dichiarato in fase di sviluppo come la versione next-gen si sarebbe dimostrata decisamente superiore a quella per le console precedenti, le differenze non sono così nette come si potrebbe pensare, ad eccezione delle migliorie relative all'atmosfera di gioco ed alla nuova modalità Performance. Dovremo probabilmente attendere l'abbandono definitivo delle vecchie console per vedere un significativo sfruttamento delle nuove.

Tiriamo le somme

Madden NFL 22 rappresenta indubbiamente una sorta di edizione di passaggio verso un futuro che ne ridisegni le ambizioni. Strizza l’occhio alla next-gen ma non ne sfrutta appieno le potenzialità. Aggiunge qualche nuovo tocco interessante ed apprezzabile (l’Homefield Adavantage, il potenziamento delle modalità Arcade) e cerca di colmare, non riuscendoci appieno, vecchie lacune dell’edizione precedente (quelle di Face of the Franchise, per fare un esempio). La giocabilità resta comunque al top, ma si resta parzialmente delusi per la mancanza di quel salto di qualità che ci si aspettava da una versione disegnata appositamente per le macchine di nuova generazione.
7.0

c Commenti


L'autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus