MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
DiRT Rally 2.0
copertina

Recensione - DiRT Rally 2.0

Siete pronti a tornare sui tracciati sterrati e ricchi d’insidie di Codemasters? Bene, perché ci risiamo con DiRT Rally 2.0, dove non si tratta solo di correre, ma anche di correre bene, perché al minimo errore si perdono secondi preziosi: pioggia, fango e asperità sono pronti a tenderci pericolose trappole. Andiamo a vedere che tipo di pietanza ha stavolta cucinato per noi il team britannico.

Il Gioco

Il nome Codemasters, sin dagli anni ’80, è strettamente legato al mondo dei motori; passando dal vecchissimo Grand Prix Simulator per arrivare al più recente Colin McRae Rally, la casa inglese ha sempre saputo creare ottimi titoli di guida. Ma ciò che ha sempre attirato le attenzioni dei videogiocatori è stata quella capacità di sfornare piccoli capolavori in grado di accontentare sia il maniaco delle simulazioni, sia gli utenti più attenti all’aspetto arcade. Se la serie DiRT Rally è stata creata con l’intenzione di produrre un titolo più vicino ad una vera simulazione, DiRT 4 ci ha fatto, al contrario, vedere un approccio più semplificato; con DiRT Rally 2.0 si torna alla simulazione, anche se non senza qualche compromesso.

img
Una volta avviato il gioco ci si rende subito conto del fatto che i programmatori vogliono tornare ad un’esperienza completa dal punto di vista della simulazione, e non si perdono nel cercare di spiegare le diverse possibilità che il giocatore ha a disposizione. Infatti veniamo subito catapultati nella Modalità Carriera, partendo dalla creazione del nostro pilota virtuale con l’obiettivo di portarlo ai vertici mondiali, sia nell’ambito del rally tradizionale che del rallycross con le sue gare in circuiti indoor. Precisiamo subito che il gioco non possiede le licenze ufficiali del campionato WRC, detenute dalla serie World Rally Championship, ma può contare su quelle del FIA World Rallycross Championship e dei relativi otto tracciati di Barcellona, Montalegre, Mettet, Lohéac Bretagne, Trois-Rivieres, Hell, Holjes e Silverstone.

MP Video - DiRT Rally 2.0

La Carriera si sviluppa, quindi, attraverso l’esperienza da maturare in queste due discipline principali. Se decidete di affrontare il Rally tradizionale, dovrete darvi da fare su ben 70 percorsi da imparare a memoria (buche e dossi compresi) e dislocati tra Argentina, Australia, Nuova Zelanda, Polonia, Spagna e Stati Uniti; il tutto garantisce una più che discreta varietà in termini di paesaggi e, soprattutto, terreni. L’altra modalità, quella rappresentata dal Rallycross Championship, vi consente di correre sia con le vetture ufficiali del campionato attuale, sia con auto d’epoca; man mano che si completano eventi all’interno di questi circuiti, infatti, si può accedere a nuove vetture, circa 50, a partire da una Opel Corsa 1600. La possibilità di upgradare il proprio parco macchine vale anche per la modalità Rally tradizionale, dove partirete con una Lancia Fulvia. E' inoltre indispensabile potenziare il proprio Team in modo tale che ingegneri e navigatori possano darci un supporto sempre più sostanziale. La modalità Hill Climb non è invece più presente, a differenza del primo episodio della serie.

Scendiamo ora in pista e andiamo ad analizzare come DiRT Rally 2.0 si comporta dal punto di vista del gameplay. Il modello di guida del gioco è principalmente votato all’aspetto simulativo, con più di qualche deroga in grado di farlo apprezzare anche ai meno avvezzi ai settaggi dei titoli motoristici. Con i pad noterete subito come si renda praticamente indispensabile il ricorso al cambio automatico per godere appieno del feeling con la vostra autovettura; se, al contrario, giocate con volante e pedaliera, disattivate pure tutti gli aiuti e godetevi un’esperienza di gioco davvero formidabile. Quest’approccio simulativo con qualche concessione arcade aiuta anche allo scopo di ammorbidire un po' una curva d’apprendimento discretamente ripida, molto simile a quella del primo capitolo ma più rifinita per alcuni versi (come nella gestione degli pneumatici) ma con alcune mancanze per altri (vedi la neve, che verrà introdotta successivamente con un DLC a pagamento). Tralasciando questa momentanea mancanza, è innegabile come Codemasters abbia speso davvero tanto in termini di dettagli a vari livelli.

img
Partiamo dagli aspetti relativi alla fisica del gioco, mai così importante come in un titolo automobilistico. Qui i programmatori hanno fatto davvero un grande lavoro; sentirete da subito il “peso” della vostra auto, anche se con un sistema di danni che risulta essere abbastanza clemente. Non è possibile, come sta accadendo spesso nei titoli dedicati al mondo dei motori, riavvolgere il nastro in caso di errore e questo, unitamente al fatto che la lunghezza dei tracciati ci impone sessioni anche superiori ai 10 minuti, garantisce quell’adrenalina in grado di farci apprezzare il feeling con il rally. Bisogna guidare con estrema attenzione e, spesso, riprovare più volte lo stesso tracciato per migliorare i nostri tempi; salti, strettoie e curve vanno attentamente valutati, pena la perdita di secondi preziosi. Oltre agli aiuti, facilmente attivabili nella sezione dedicata, DiRT Rally 2.0 ci fornisce anche la possibilità di avere un’ IA che si adatta al nostro livello di bravura, in modo tale da prenderci per mano e farci salire gradualmente di livello.

img
Il gioco gira stabilmente a 60 fps senza la minima sbavatura, mentre dal punto di vista grafico sembra sia stato fatto qualche compromesso nella rappresentazione del verde di contorno e di alcuni modelli di autovetture. Le cose cambiano, e tanto, passando dalla visuale esterna a quella dall’interno dell’abitacolo, in quanto l’ampio campo visivo ci permette di apprezzare dei dettagli talmente suggestivi da distrarci durante la guida. Il sonoro, non troppo impegnativo, risulta essere comunque funzionale al gioco stesso e con un co-pilota/navigatore provvisto di voce molto chiara, anche in italiano, mentre risultano ben riprodotti i rumori dei singoli motori.

Amore

Dritti al punto

- DiRT Rally 2.0 è un titolo simulativo con qualche piccola concessione più arcade, e affonda sostanzialmente le proprie radici nel capostipite della serie. Appare evidente l'apporto che la collaborazione con veri piloti di rally come Jon Armstrong ed Oliver Soldberg ha dato al modello di guida del titolo, facendo emergere un titolo dall’approccio realistico che ben riesce a riprodurre il feeling di una delle più complesse discipline motoristiche.

Un gameplay da 10 e lode

- Questo lavoro d’equipe tra programmatori, piloti veri ed anche fan selezionati ha dato vita ad un gameplay solido sotto tutti i punti di vista, a partire dal lavoro fatto sulla fisica del veicolo in risposta alle asperità del terreno, che reagisce alla grande ed in maniera diversa alle diverse tipologie di fondo stradale, ma anche rispetto all’ordine di partenza simulando, di fatto, la deformazione del suolo causata dalle auto che ci hanno preceduto. Mi ha colpito moltissimo l’attenzione all’interazione tra ruota ed asfalto, che tocca l’apice in concomitanza con le diverse condizioni meteo. Nelle prove miste, ad esempio, è obbligatorio modificare ed adattare l’entrata in curva, anche all’interno della singola tappa.

Attenzione maniacale ai particolari

- Tante le novità anche per i singoli aspetti, come quello riguardante il compound delle gomme: una mescola morbida è sicuramente più efficace ma decisamente meno duratura e viceversa. Evidenti i miglioramenti anche per i freni e le sospensioni, con veicoli decisamente reattivi nel subire le caratteristiche del tracciato ed i movimenti del pad del giocatore.

Un Ego misurato ma non troppo

- Il famoso Ego Engine di Codemasters, pur prossimo al pensionamento, svolge egregiamente il proprio dovere con una qualità grafica davvero di tutto rispetto. Le scenografie ed i paesaggi sono ricchissimi di dettagli e le auto sono ben rappresentate, sia esternamente che internamente. Ottima la resa delle gare in notturna, con un sistema di illuminazione che fa registrare enormi passi in avanti.

Odio

Alcune fatali mancanze

- Forse è questo l’aspetto più duro da digerire dal titolo Codemasters. Oltre alle già citata mancanze della guida su terreni innevati e della specialità hillclimb, appare piuttosto scarno anche il parco macchine e, se vogliamo, anche quello degli eventi sui quali cimentarsi; peraltro DiRT Rally 2.0 vuole strizzare l’occhio al mondo degli eSports, ambito per il quale bisogna offrire molti più contenuti.

Tiriamo le somme

Sono passati 3 anni dal precedente episodio della serie, e bisogna dire che DiRT Rally 2.0 compie decisi passi avanti restando fermo su un punto: si tratta di una simulazione complessa ma, allo stesso tempo, entusiasmante. Il livello di sfida è elevato ma gratificante, il gameplay ci offre una dimostrazione di forza con una fisica delle auto da urlo, e l’Ego Engine contribuisce con un aspetto grafico davvero degno di nota e delle texture di primissimo livello. Alcune piccole mancanze gli impediscono di raggiungere un voto da top game, ma gli appassionati non dovrebbero perdere l’occasione di mettere le mani su un titolo di tale livello, ad oggi sicuramente la migliore simulazione di rally in circolazione.
8.5

c Commenti

copertina

L'autore

Da sempre grande amante di tutti gli sport, ha trasferito questa passione nel mondo dei videogiochi non disdegnando però anche gli altri generi. Ama il nostro calcio quanto sport come il football e l'hockey, ma è sempre pronto a blastare qualche alieno quando ce n'è il bisogno!

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus